Citroen DS, storia (Foto)

1 di 15
    continua
    http://www.allaguida.it/foto/citroen-ds-storia_16159.html
    La Citroën DS compie 60 anni
    La Citroën DS compie 60 anni. Nel 2015 ricorrono i 60 anni dalla presentazione della Citroën DS. Questo modello è entrato subito nella storia dell'automobile, grazie alla bellezza del suo design (opera dell'italiano Flaminio Bertoni) e alle numerose innovazioni tecnologiche, fra tutte le leggendarie sospensioni idropneumatiche. Nei 20 anni di produzione la Citroën DS è stata venduta in poco meno di 1,5 milioni di esemplari. Ha saputo difendersi anche nelle competizioni, vincendo per due volte il rally di Montecarlo. Dato il perdurare del grande affetto per la DS da parte degli appassionati in tutto il mondo, la casa francese nel 2009 ha deciso di riutilizzare il marchio per la sua nuova linea di vetture premium.

    La Citroën DS compie 60 anni

    Nel 2015 ricorrono i 60 anni dalla presentazione della Citroën DS. Questo modello è entrato subito nella storia dell'automobile, grazie alla bellezza del suo design (opera dell'italiano Flaminio Bertoni) e alle numerose innovazioni tecnologiche, fra tutte le leggendarie sospensioni idropneumatiche. Nei 20 anni di produzione la Citroën DS è stata venduta in poco meno di 1,5 milioni di esemplari. Ha saputo difendersi anche nelle competizioni, vincendo per due volte il rally di Montecarlo. Dato il perdurare del grande affetto per la DS da parte degli appassionati in tutto il mondo, la casa francese nel 2009 ha deciso di riutilizzare il marchio per la sua nuova linea di vetture premium.

    Design celestiale

    Design celestiale

    La bellezza delle sue linee ha dato spunto per un gioco di parole sul nome: infatti DS in francese si legge "Déesse", cioè dea.

    La cabrio era ancora più bella

    La cabrio era ancora più bella

    Nel 1958 la Citroën presentò la versione cabrio della DS, se possibile anche più bella dell'originale.

    Non sfioriva invecchiando

    Non sfioriva invecchiando

    Il modello DS 21, evoluzione del 1965, manteneva inalterate le linee originali, mentre disponeva di un motore più adeguato del precedente, che risaliva agli anni '30.

    La seconda serie

    La seconda serie

    Nel 1967 venne introdotta la seconda serie della DS 21. In evidenza il gruppo ottico anteriore, ora carenato e col proiettore centrale che ruotava durante le sterzate

    Le leggendarie sospensioni

    Le leggendarie sospensioni

    Pienamente visibile la sfera d'acciaio gialla che conteneva azoto e olio; la compressione del gas permetteva l'autolivellamento della vettura.

    Lo squalo

    Lo squalo

    I caratteristici fari della seconda serie davano alla Citroën DS 21 l'aspetto di uno squalo pronto a gettarsi sulla preda.

    Versione speciale

    Versione speciale

    Una DS Cabriolet d'Usine, serie limitata speciale disegnata dal carrozziere francese Henri Chapron. Versione molto costosa, fu venduta in 1.365 esemplari

    Ostacolata dagli americani

    Ostacolata dagli americani

    La DS non incontrò grande successo negli Stati Uniti, dove il motore poco potente (pensato per le tasse francesi basate sui cavalli) la rese poco appetibile. Inoltre le leggi americane imponevano fari rotondi e sigillati. Quindi veniva meno la particolarità del gruppo ottico carenato.

    Pallas, la dea greca

    Pallas, la dea greca

    La versione di lusso della DS fu nominata Pallas, associandosi alla dea greca Pallade Atena.

    Protagonista sullo schermo

    Protagonista sullo schermo

    La Citroën DS venne utilizzata innumerevoli volte al cinema e in Tv. Questa è la DS 21 Pallas usata per le riprese della serie televisiva americana "The Mentalist".

    Sapeva anche lavorare

    Sapeva anche lavorare

    La versione station wagon della DS si chiamava Break. La grande capacità di carico la rese utile anche come ambulanza.

    Quasi un pullmino

    Quasi un pullmino

    La Citroën DS Break era in grado di trasportare anche otto persone.

    Gli occhi si muovevano

    Gli occhi si muovevano

    Particolare del gruppo ottico della DS 21 seconda serie. Il proiettore interno si muoveva in sincrono con lo sterzo.

    Protagonista nelle corse

    Protagonista nelle corse

    Nonostante le dimensioni imponenti, la Citroën DS seppe farsi valere anche nelle competizioni, vincendo per due volte il rally di Montecarlo.

    Foto correlate