Allarme auto, tutti commettono questo errore in estate: la sanzione è salatissima

Automobilisti e non, fate moltissima attenzione se commettete quest’errore in estate. Il rischio di una multa davvero salata è concreto e rischia di compromettere la vostra giornata. Ecco svelato tutto, riguarda anche i motociclisti…

Arriva l’estate, arriva il grande caldo. Questi sono giorni davvero roventi in tutto il nostro Paese. Ovunque in Italia si sfiorano anche temperature superiori ai 40 gradi e restare indifferenti è quasi impossibile. Soprattutto per chi ricorre quotidianamente all’automobile o alle due ruote, siano queste scooter o motocicletta. E con il caldo degli ultimi giorni, non c’è aria condizionata che tenga: a volte è davvero difficile da sopportare, anche se comodamente seduti al fresco della propria auto.

Figuriamoci, poi, quando arriva il momento delle grandi partenze o quando arriva il momento di abbandonare momentaneamente la città per le località balneari. La tentazione di partire in sella alla propria moto o a bordo della propria quattro ruote già con costume ed infradito è fortissima. Bisogna, però, prestare grandissima attenzione: un abbigliamento errato e poco consono al vostro mezzo può costarvi caro e amaro. Non solo in termini di sicurezza, ma anche e soprattutto in termini economici.

Ogni anno, le sanzioni previste dal Codice della Strada si irrigidiscono sempre più: guidare l’auto o la moto con le infradito è da sempre un punto molto discusso e rivisto quando giunge l’estate. Alcuni conducenti proprio non vogliono rinunciare alla comodità di una calzatura così aperta e fresca, ma devono stare molto attenti a quello che recitano le norme stradali. Anche perché, come anticipato, il rischio di una multa davvero salata è decisamente concreto.

Si può guidare l’auto con le infradito? Cosa dice il Codice della Strada e quali sono i rischi?

Più avanti vedremo come guidare la moto in infradito sia tanto pericoloso quanto non consentito dalla legge. Per quanto riguarda guidare l’auto con i sandali o con calzature rientranti nella famiglia delle ciabatte, le regole si fanno più vaghe e meno definite. Fino al 1993, infatti, il Codice della Strada vietava esplicitamente la guida con le infradito. In seguito, la norma è stata eliminata, ma mai discussa in maniera ampliata e ufficiale. E continua ad aleggiare un’aria di incertezza e di approssimazione circa i reali rischi economici o amministrativi della guida in auto con tali calzature.

Ragion per cui, una risposta definitiva è possibile darla solo via esclusione e via quanto comunicato dalla Polizia di Stato attraverso il proprio sito ufficiale. Il divieto della guida in auto con le infradito è stato abrogato, pertanto non si rischia alcuna multa oggigiorno. Addirittura è possibile guidare anche a piedi scalzi, oltre che con tutte quelle calzature appartenenti alla categoria di ciabatte e sandali. E ancora: è possibile persino fare ricorso (e vincerlo, ndr) in caso di multa ricevuta mentre si è alla guida della propria auto con le infradito.

Guidare auto o moto con infradito
Guidare auto o moto con infradito, cosa dice il Codice della Strada? Ecco tutto svelato – allaguida.it

Oggi il Codice della Strada è molto più generico ed interpretabile, circa lo stato e l’abbigliamento che deve avere il conducente. Il CdS infatti spiega: “Il conducente deve sempre conservare il controllo del proprio veicolo ed essere in grado di compiere tutte le manovre necessarie, in condizione di sicurezza, in modo da garantire la tempestiva frenata del mezzo entro i limiti del suo campo di visibilità e dinanzi a qualsiasi ostacolo prevedibile”. Quindi, nessuna menzione diretta al tipo di calzature da dover indossare per garantire tali comportamenti.

Guidare l’auto con le infradito: attenzione, però, alla posizione delle compagnie assicurative

Massima attenzione, però, a quella che è la posizione della vostra compagnia di assicurazione. Guidare l’auto con le infradito potrebbe comportare più di qualche problematica in caso di incidente. Se l’essere a piedi scalzi o in ciabatte viene accertato dal referto della Polizia di Stato, l’assicurazione potrà valutare o meno se intentare un concorso di colpa al conducente. Ergo, rischierete di non ricevere alcun rimborso se coinvolti in un sinistro, mentre eravate alla guida con tali calzature.

Il motivo alla base è molto semplice e richiama quanto citato poco prima, direttamente dal Codice della Strada. La guida in infradito può causare un errato utilizzo dei pedali, rischiando addirittura di scivolando su quello del freno in caso di situazione di emergenza. In parole povere: se l’assicurazione accerterà che non siete stati capaci di evitare un incidente per l’utilizzo delle ciabatte alla guida, siete nei guai. Pertanto, sempre meglio portare con sé un paio di scarpette comode, da poter indossare dal ritorno dal mare o da qualsiasi altri tipo di scenario.

Si può guidare la moto con le infradito? Qui il Codice della Strada è molto più severo…

Se per la guida in auto non dovrebbero esserci (almeno formalmente) alcun tipo di problema, il discorso è molto diverso per la guida in moto. Il Codice della Strada vieta in maniera implicita l’utilizzo di scarpe non fissate al piede, che potrebbero influire in maniera pericolosa sul controllo del mezzo. Se beccati alla guida delle vostre due ruote con le infradito, rischiate una multa da 83 a 333 euro ed il fermo amministrativo del mezzo per 60 giorni. Una vera e propria stangata, che però dovrebbe essere riservata davvero a pochi sprovveduti. E per quanto riguarda l’assicurazione, anche in caso di incidente in moto si rischia la beffa se il conducente era alla guida con calzature non consentite.

Guidare auto o moto con infradito
Motociclisti, massima attenzione alle calzature che indossate in estate quando siete alla guida – allaguida.it

Sì, sprovveduti: oltre che non consentito dalla legge, guidare la propria moto con un abbigliamento poco consono è stupido e pericoloso. Soprattutto in estate, quando l’asfalto raggiunge temperature record e anche una semplice scivolata potrebbe causarvi danni serissimi, persino alle basse velocità. Per questo, scegliete sempre un abbigliamento consono se siete alla guida della vostra moto. Il caldo forte è spiacevole e la tentazione di viaggiare liberi e scoperti è molto forte. È comprensibile, ma anche molto rischioso: pertanto affidatevi al buon senso.

Buon senso che deve accompagnarvi nella scelta del vostro abbigliamento da moto. Non c’è alcuna legge o norma stradale che vieta la guida in calzoncini corti e canottiera, ma è meglio coprirsi e non rischiare grosso quando si è a bordo della propria moto. Oltre il rischio di cadute, ci sono anche problemi meno ‘pesanti’ che però possono comunque arrecare danno a noi e a chi è nostro passeggero. Quale? Il sole e l’irradiamento dell’asfalto: se non appositamente vestiti, il rischio di ustioni alla guida delle nostre due ruote è elevato. E se proprio non volete coprirvi con una giacca tecnica, almeno utilizzate la crema solare…

Al di là dei rischi legali o amministrativi: la sicurezza viene prima di tutto

Al di là di quello che si rischia o meno dal punto di vista del Codice della Strada, bisognerebbe tenere bene a mente un concetto molto importante. Quale? La sicurezza viene prima di tutto, sia in auto che in moto. Se indossare le infradito o qualsiasi altro tipo di calzatura similare significa compromettere la sicurezza ed il controllo del vostro mezzo, meglio desistere. E dovrebbe essere un qualcosa capace di trascendere qualsiasi divieto imposto dalla legge o da parti terze. Pertanto, automobilisti e motociclisti alla lettura, ci raccomandiamo. Non date priorità alla comodità, se a farne le spese è la sicurezza alla guida delle vostre quattro o due ruote. E poco importa del caldo: meglio qualche goccia di sudore, che conseguenze ben più gravi.

Impostazioni privacy