Alpine A110 Sastruga protagonista a Montecarlo

La vettura, una "art car" per sensibilizzare sul tema ambientale e ispirata ai continenti polari, è scesa in pista nel Principato di Monaco mostrandosi per la prima volta

Alpine A110 Sastruga

Alpine A110 Sastruga - Foto credits Alpine media

Alpine A110 Sastruga, modello realizzato grazie all’intelligenza artificiale in collaborazione con il collettivo artistico francese Obvious, diventa protagonista a Montecarlo dove si corre il GP di Monaco di Formula 1.

L’auto, infatti, ha girato sulle curve del tracciato monegasco guidata da Oscar Piastri, pilota di riserva del team Alpine di Formula 1, mettendosi in mostra sulle strette stradine del Principato tra lo sguardo curioso dei presenti.

Alpine A110 Sastruga, l’auto che viene dai ghiacci

Vero e proprio esempio di “art car”, Alpine A 110 Sastruga mostra una livrea chiaramente ispirata ai continenti polari, presentandosi di colore bianco con striature azzurre, tipiche del ghiaccio glaciale. Anche il nome – dato dal fenomeno che si verifica quando il ghiaccio si consolida creando quelle delle striature bluastre – richiama le estreme latitudini del globo.

Una vettura che è anche un omaggio alla storia della casa francese: il collettivo Obvious, infatti, per realizzare la tavolozza di colori, si è ispirato alle tinte storiche della casa replicando inoltre le linee di un circuito immaginario, realizzato dall’intelligenza artificiale mentre al posteriore, subito sopra lo scarico centrale, è visibile la formula matematica che ha permesso la sua realizzazione.

Parole di Matteo Vana

Laureato in Editoria e Giornalismo, ha iniziato a muovere i primi passi con calcio e motori, due passioni delle quali ha fatto un lavoro. Pubblicista dal 2014, ama lo sport, i viaggi e i fumetti