Auto in Italia, segnali di svecchiamento: più del 25% è Euro 6

In Italia cresce la percentuale di vetture Euro 6, le più recenti, mentre calano tutte le altre categorie con un conseguente svecchiamento del parco auto

traffico

Foto Pexels | Pixabay

Il parco auto italiano è uno dei più vecchi d’Europa, ma cominciano ad arrivare i primi, piccoli, segnali di miglioramento: nonostante il crollo del mercato – che ad aprile ha fatto registrare un preoccupante -33% – e la scarsa diffusione delle auto elettriche, il processo di svecchiamento sembra essere iniziato tanto che le auto Euro 6, tra il 2016 e il 2011, sono salite dall’8,5% al 26,3%.

A renderlo noto è l’Osservatorio Autopromotec che testimonia lo svecchiamento in corso del parco auto italiano, come certifica l’incremento di oltre 17 punti percentuali in 5 anni.

Un quarto del parco auto è Euro 6

Un incremento che va di pari passo con la diminuzione delle altre categorie di vetture, tutte più inquinanti e meno giovani rispetto alle Euro 6: le vetture Euro 5 sono calate dell’1,5%, quelle Euro 4 addirittura del 5,3% mentre Euro 3 ed Euro 2 hanno fatto segnare rispettivamente il -4,8% e il -4,3%.

La quota delle vetture di categoria Euro 0 ed Euro 1, invece, è diminuita molto poco e cioè di 0,9 e di 1 punto percentuale. Piccoli passi in avanti, non ancora sufficienti per portarsi al pari delle altre nazioni europee, ma segnali incoraggianti in vista di un futuro che non sembra più così nero.

Parole di Matteo Vana

Laureato in Editoria e Giornalismo, ha iniziato a muovere i primi passi con calcio e motori, due passioni delle quali ha fatto un lavoro. Pubblicista dal 2014, ama lo sport, i viaggi e i fumetti