Auto, le più sottovalutate: costano poco e sono super affidabili, perché il mercato non le ha mai capite

Le automobili sono mezzi straordinari, alcuni in particolare. Ma quali sono le più sottovalutate? Tentiamo di scoprirlo.

Il mondo delle automobili è tanto straordinario quanto aperto a tante idee, centinaia di progetti e chissà quante aziende che creano ogni anno novità su novità. Siamo talmente abituati a vedere e utilizzare le vetture a quattro ruote che a volte non ci accorgiamo neanche dei modelli che possiamo notare.

Che però si diversificano notevolmente fra loro, questo è chiaro e lampante. Tutti meritano un occhio di riguardo, anche se in alcuni casi possiamo largamente parlare di modelli estremamente sottovalutati.

In questo articolo vedremo qualche esempio di mezzi che costano poco e sono estremamente affidabili, ma che allo stesso tempo forse non vengono considerate come effettivamente meriterebbero. Un qualcosa che, considerando le caratteristiche, è difficile anche solamente da comprendere. Scopriamo qualcosa di più.

Dall’Asia all’Italia: Non perdetevele

Asia e Italia, due luoghi che dal punto di vista automobilistico vantano una storia mica da ridere. Alcune automobili però non sono riuscite a rendere effettivamente omaggio ai luoghi in questione, almeno dal punto di vista commerciale; parliamo di:

  • Hyundai Tucson
  • Mazda 3;
  • Kia Picanto;
  • Evo 4;
  • Fiat Panda;
  • Dr 4.0.
fiat panda
Tra queste vetture non può mancare Fiat panda: uno ei prodotti più costanti, conosciuti e meglio riusciti d’Italia (allaguida.it – Wikipedia)

HYUNDAI TUCSON: una delle aziende più interessanti e importanti a livello globale offre un veicolo assai attraente sotto tutti i punti di vista. La Tucson è in grado di offrire una esperienza di viaggio veramente notevole. Soprattutto grazie alla sua capacità di isolare ogni rumore esterno, asperità e irregolarità stradali comprese.

E’ un crossover che in ogni sua versione può vantare sistemi di sicurezza di base; parliamo di sette airbag, un sistema di climatizzazione automatico bizona e un sistema di mantenimento in corsia. La gamma di motori disponibile è affidabile e progettata per migliorare il comfort del conducente e dei passeggeri. Oltre a garantire anche un consumo di carburante ridotto. Il prezzo di partenza si attesta sui 30mila euro.

MAZDA 3: un altro modello molto interessenta è quello di cui vi parleremo nelle righe a seguire. Dotato di diversi sistemi di assistenza alla guida, come il monitoraggio dell’attenzione del conducente, il rilevamento attivo degli ostacoli in avanti e l’assistenza al traffico, detiene anche il sistema Mazda Connect. Quest’ultimo include una funzione di riconoscimento vocale, un sistema di navigazione aggiornato e una versione digitale del manuale dell’auto. Senza dimenticare un sistema audio Bose con 12 altoparlanti. Sotto il cofano, poi, si può trovare un motore a benzina capace di erogare fino a 122 cavalli di potenza massima. Il prezzo di partenza è di circa 25mila euro.

KIA PICANTO: moderna e pratica, elegante e dalle linee semplice. Una citycar dalle dimensioni senza ombra di dubbio contenute, ma nonostante la sua compattezza è comunque una cinque porte e può detenere uno spazio sufficiente tanto nell’abitacolo quanto nel bagagliaio. La fiancata presenta una nervatura longitudinale che risale verso la parte posteriore, conferendo dinamicità alla carrozzeria. La parte posteriore è caratterizzata da linee orizzontali pronunciate sul paraurti, un lunotto avvolgente e fanali verticali con una forma particolarissima. I fanali aumentano la sensazione di larghezza e robustezza di un veicolo che è anche molto economico: prezzo a partire dai 13mila euro.

EVO 4: la casa costruttrice Dr Automobile sa sempre come stupire gli automobilisti, ed è stata in grado di farlo anche in quest’occasione. Dalle dimensioni compatte, tale crossover dispone pure di uno spazio interno ampio. Deriva dal modello cinese Jac S3, con alcune modifiche nel dettaglio per la ‘versione italiana’. Non manca un ampio pick-up a doppia cabina con tanto di quattro porte e cinque posti. Anche questo modello viene prodotto in Cina e corrisponde esattamente al veicolo Jac Shuailing T8; in poche parole si differenzia soltanto per il marchio. Il prezzo va dai 18900 ai 20400 euro.

FIAT PANDA: la citycar per eccellenza, parlando di modelli italiani. Impossibile non pensare in positivo alla Panda, che grazie a resistenza, mantenimento dei costi, dei consumi e dei prezzi, è una delle vetture più apprezzate. Caratterizzata da una carrozzeria arrotondata e pratica, è un modello dotato di 5 porte per facilitare l’accesso di guidatore e passeggeri a bordo.

L’abitacolo offre una buona luminosità e presenta un design originale con tanto di sedili rialzati. Il comfort di guida è più che accettabile, soprattutto grazie ad uno sterzo e ad un cambio morbidissimi ed estremamente fluidi.

La Panda disponde anche di una accelerazione divertente. Non mancano buona visibilità e ottima stabilità. Non ci sono molti sistemi avanzati di assistenza alla guida, ma per il resto è davvero un veicolo ottimo da acquistare: il prezzo base è di 15mila euro.

DR 4.0: crossover di segmento B con trazione anteriore, è caratterizzato da un design davvero moderno, con parafanghi ben definiti e un’imponente parte anteriore. Offre inoltre un rapporto qualità/prezzo conveniente. I consumi dichiarati sono interessanti, tuttavia mancano i più moderni dispositivi di assistenza alla guida.

In Europa e America si fa sul serio

Mettendo da parte l’Italia, anche nelr esto dell’Europa non mancano i veicoli interessanti, così come in America. Parliamo principalmente di:

  • Renault Captur;
  • Citroen C3;
  • Seat Ibiza;
  • Chevrolet Spark;
  • Ford Puma;
  • Jeep Renegade.

RENAULT CAPTUR: un modello molto interessante, specialmente considerando il fatto che offre un’ampia gamma di opzioni fra le quali scegliere, e anche con diverse soluzioni molto interessanti disponibili. Pensiamo ad esempio alle motorizzazioni; la Captur mette a disposizione l’alimentazione a benzina, bifuel a GPL e tre diverse versioni ibride. L’abitacolo è caratterizzato poi da ampi spazi interni e una curatissima finitura, oltre alla presenza di un divano scorrevole di 16 centimetri che ne aumenta la praticità. La dotazione di sistemi di sicurezza è poi particolarmente ricca. Manca un sistema di climatizzazione automatico bizona. Il prezzo base è di 22mila euro.

CITROEN C3: l’auto di segmento B di cui vi stiamo parlando è caratterizzata da una carrozzeria dotata di forme arrotondate e di un design frontale tipico dei modelli più recenti del marchio francese, con tanto di fari disposti su tre livelli e una griglia sottile posta in posizione elevata. E’ possibile anche scegliere una estetica sobria ed elegante con una tinta unita; o, in alternativa, un look più vivace e frizzante, con il tetto di colore contrastante e ampie fasce scure in plastica sulle porte. La personalizzazione vale anche per gli interni. Prezzo di partenza fissato a 18mila euro.

jeep renegade
Jeep Renegade, impossibile non menzionare tale veicolo (allaguida.it – Media press)

SEAT IBIZA: non un modello come un altro, decisamente no. Si tratta della prima vettura del gruppo Volkswagen a beneficiare della nuova piattaforma modulare MQB Ao, poi adottata soltanto in seguito da altri modelli con lunghezza superiore ai quattro metri. Con un incremento di 9 centimetri in larghezza, l’Ibiza presenta un design grintoso e caratterizzato da profonde nervature sul cofano e sui fianchi.

L’aggiornamento ha poi introdotto una nuova plancia più sofisticata e rifinita rispetto alla precedente, e anche un nuovo sistema di infotainment è presente – completo di servizi online – con un monitor posizionato più in alto sopra la console centrale. Il suo prezzo parte dai 19mila euro.

CHEVROLET SPARK: il modello in questione presenta un incremento di 14 cm rispetto al suo predecessore, ovvero Chevrolet Matiz. Le dimensioni comaptte forse rispecchiano un po’ meno il classico stile americano delle automobili, ma ad ogni modo è una scelta funzionale. Gli interni sono infatti molto spaziosi, sia per il conducente che per i passeggeri.

La gamma motori dell’auto di cui vi stiamo parlando è limitata, vista e considerata la disponibilità di soli due propulsori; fra questi, un motore a benzina capace di regalare una guida veramente agevole e piacevole in mezzo al traffico cittadino. Può costare, usata, anche 6mila euro.

FORD PUMA: un altro ottimo prodotto tutto statunitense. Un crossover compatto caratterizzato da un design aggressivo, con una larga griglia anteriore a nido d’ape, parafanghi sporgenti, profonde nervature lungo i fianchi e montanti posteriori fortemente inclinati. All’interno si apprezzano la posizione di guida rialzata e la plancia moderna; alcuni comandi sono però posizionati fin troppo in basso, così come i tasti sulla base della leva del cambio per disattivare l’ESP e i sensori di distanza. Il prezzo di partenza è di 27mila euro.

JEEP RENEGADE: senza la minima ombra di dubbio, uno dei veicoli più interessanti presenti attualmente sul mercato automobilistico internazionale. Offre un abitacolo spazioso, soprattutto considerando le sue contenute dimensioni esterne. Il bagagliaio detiene una capienza massima di 351 litri, che può essere estesa addirittura a 1297 abbattendo i sedili posteriori.

Il comportamento su strada di Jeep Renegade è piacevole; in più offre un elevato livello di comfort che può essere notato anche su strade sconnesse. la risposta delle sospensioni più risultare un po’ rigida, e a velocità elevate non è raro percepire fruscii dovuti alla forma della carrozzeria. Si tratta comunque di un mezzo davvero convincente, e così come gli altri elencati merita decisamente più di un’attenzione superficiale. Il suo prezzo è di 23mila euro.

Impostazioni privacy