Auto più veloce al mondo a guida autonoma, il record è di PoliMove [VIDEO]

Il record si è tenuto a Cape Canaveral in Florida, sul rettilineo della pista di atterraggio di space shuttle della NASA.

auto più veloce al mondo a guida autonoma

Fonte YouTube Team PoliMOVE

L’auto più veloce al mondo a guida autonoma è italiana. La Dallara AV-21 programmata dal PoliMOVE Autonomous Racing Team ha toccato la velocità di 309,3 km/h sul rettilineo del Kennedy Space Center della NASA.

La monoposto, battezzata Minerva in onore della missione di Samantha Cristoforetti, impegnata nella partenza verso la Stazione spaziale internazionale, è stata guidata in tutto e per tutto dall’intelligenza artificiale abbattendo il muro dei 300 Km/h, frantumando così un record che resisteva dal 2019.

Il record è stato registrato il 27 aprile sul rettilineo della pista di atterraggio dello Space Shuttle al Kennedy Space Center della NASA di Cape Canaveral. “Il valore di 309,3 km/h è stato ottenuto come media su un chilometro di due tentativi consecutivi in direzione opposta (per eliminare l’influenza del vento)“, spiegano dal Polimi.

Auto più veloce al mondo, Polimove ha battuto il precedente record

Il record precedente, detenuto da Roborace, era di 282,4 km/h. Quello del Politecnico è stato l’unico team autorizzato a fare questo tentativo, grazie alla vittoria ottenuta il 7 gennaio 2022 da PoliMOVE a Las Vegas nella Indy Autonomous Challenge dove l’auto aveva toccato, su pista, i 278,4 km/h.

Il “cervello digitale” sviluppato dell’ateneo milanese ha quindi realizzato un nuovo primato di categoria, superando di quasi 27 km/h lo scorso record di velocità terrestre per auto a guida autonoma. 

Dallara record Polimove

Il record è il frutto della collaborazione tra il Politecnico di Milano e dell’University of Alabama, avviata in occasione dell’Autonomous Indy Challenge dell’ottobre 2021.

Gara in cui le vetture correvano una alla volta e che ha visto PoliMove arrivare terza a causa di un guasto meccanico, che nulla aveva a che fare con la sfida a colpi di software.

Assieme, abbiamo esplorato e toccato i nuovi limiti della tecnologia della guida autonoma”, ha commentato Savaresi. Che sta già pensando al prossimo traguardo. 

Parole di Riccardo Mantica

Nell’editoria online dal 2001 quando scrivere per il web era una chimera. Pubblicista dal 2005, blogger per caso nel 2010, ha vissuto l’avvento del web 2.0 e dei social network condividendone gioie e dolori. Le passioni coltivate negli anni per sport, motori e tecnologia sfociano oggi anche nel panorama della mobilità sostenibile. Il motto preferito? Guardare sempre avanti senza dimenticare il passato. Stay tuned!