Automobilisti italiani sempre più green, il 74,7% preferisce bici e mezzi pubblici all’auto

Gli italiani sembrano essere sempre più attenti al problema ambientale: nel 2020, infatti, il 12,9% vorrebbe sostituire il proprio veicolo con uno meno inquinante

da , il

    metro

    Sempre meno schiavi dell’auto e aperti alle soluzioni più ecosostenibili: è questa la fotografia degli automobilisti italiani, pronti a rinunciare ad utilizzare il proprio veicolo per aiutare l’ambiente. Secondo i dati dell’Agenzia europea dell’ambiente il 15% delle emissioni di anidride carbonica in Europa è prodotta da auto e furgoni, un dato che ha spinto l’UE a introdurre precise norme con l’obiettivo di ridurre significativamente questi livelli entro il 2030. Dal canto loro gli automobilisti italiani sembrano pronti a fare la propria parte visto che il 74,7%, nel 2019, ha preferito utilizzare bici, monopattini e mezzi pubblici pur di ridurre le emissioni nocive.

    Mezzi pubblici e bici al posto dell’auto

    A renderlo noto è una ricerca realizzata per Facile.it da mUp Research e Norstat su un campione rappresentativo della popolazione: tra di loro il 74,7% dei rispondenti, pari a 32,7 milioni di individui, nell’ultimo anno si è impegnato concretamente per ridurre l’impatto ambientale causato dalla mobilità. La scelta più comune, adottata dal 46,1% degli intervistati, è stata quella di utilizzare mezzi pubblici o, in alternativa, muoversi a piedi. Un italiano su 4, invece, ha ridotto i chilometri percorsi al volante della propria auto utilizzando, quando possibile, la bici come mezzo alternativo alle quattro ruote. Significativo, poi, il numero di coloro (19,4%) che, non volendo o non potendo rinunciare al proprio mezzo a quattro ruote, ha deciso di sostituirlo con uno meno inquinante mentre il 7% degli intervistati ha deciso di utilizzare il car sharing come soluzione alternativa alla propria auto. In crescita anche la percentuale (5,8%) che ha deciso di utilizzare il monopattino: sia esso elettrico o tradizionale, quella dei mezzi a due ruote in linea è stata scelta da circa 2,5 milioni di italiani.

    Nel 2020 il 12,9% comprerà un’auto meno inquinante

    Un trend che dovrebbe confermarsi anche nel 2020; il 44,7% degli intervistati, infatti, ha sottolineato come tra i buoni propositi per l’anno nuovo ci sia quello di voler migliorare ancora dal punto della mobilità ecosostenibile riducendo ulteriormente il proprio impatto sull’ambiente con un 12,9% che ha dichiarato che, pur continuando ad utilizzare la propria auto o moto, ha in programma di sostituirla con un mezzo meno inquinante in modo da ridurre le emissioni di CO2 mentre il 24% ha manifestato l’intenzione di utilizzare con una frequenza maggiore sia i mezzi pubblici sia le proprie gambe per spostarsi all’interno dell’ambiente urbano. Destinata a crescere, inoltre, anche la percentuale di coloro che utilizzerà il monopattino nel 2020 con una percentuale che si attesta intorno al 7%. Gli italiani sembrano essere meno schiavi dell’auto, ma soprattutto sempre più attenti ai problemi legati all’inquinamento ambientale, un tema sul quale gli automobilisti sembrano voler dare una mano all’Europa nel raggiungere i propri obiettivi.