Bentley Batur, lusso estremo: ha gli interni d'oro

La supercar del marchio britannico, prodotta in 18 esmeplari a 1,65 milionid i sterline ciascuno, introdurrà l'oro 18 carati al suo interno su plancia e comandi

Bentley Batur

Bentley Batur - Foto credits Bentley press

Bentley Batur, prodotta in soli 18 esemplari tutti già venduti ai clienti Mulliner al prezzo di 1,65 milioni di sterline ciascuno – tasse escluse – è senza dubbio una delle auto più lussuose del pianeta.

In questo caso, però, la casa britannica ha voluto esagerare annunciando di aver introdotto l’oro massiccio stampato in 3D nella sua esclusiva supercar grazie a un processo innovativo che viene usato per la prima volta nel settore automobilistico.

Bentley Batur, la vettura con un cuore d’oro

La tecnica di produzione additiva, infatti, aggiungerà fino a 210 grammi di oro giallo 18 carati all’ultima coupé della casa automobilistica di lusso. L’oro stampato in 3D, disponibile come optional, comprende i punti di contatto chiave per il guidatore, come il quadrante Charisma che circonda il pulsante di avviamento/arresto e che viene inoltre usato per selezionare le impostazioni di guida mentre l’oro può essere applicato anche agli iconici comandi sulla plancia della bocchetta di ventilazione Organ Stop di Bentley, oltre che a un indicatore con inserto in oro sul volante.

Bentley Batur con interni d'oro
Bentley Batur con interni d’oro – Foto credits Bentley press

Bentley Mulliner ha collaborato con i rinomati orafi di Cooksongold per realizzare gli esclusivi componenti della nuova Bentley Batur. Tutto l’oro usato è di provenienza sostenibile e viene completamente riciclato da vecchi gioielli, macinato in una polvere fine necessario per poi effettuare la tecnica di stampa 3D. Il riciclo garantisce l’assenza di impatto ambientale derivante dall’estrazione di nuovi metalli preziosi.

avatar autore

Parole di Matteo Vana

Laureato in Editoria e Giornalismo, ha iniziato a muovere i primi passi con calcio e motori, due passioni delle quali ha fatto un lavoro. Pubblicista dal 2014, ama lo sport, i viaggi e i fumetti