Bentley Continental, 70 anni della gran turismo per eccellenza

Nel 1952, l'auto a quattro posti più veloce e più costosa del mondo venne costruita in 208 esemplari uno ancora di proprietà di Bentley

Bentley Continental, 70 anni della gran turismo per eccellenza

Bentley celebra i 70 anni dall’inizio della produzione della Bentley Continental R-Type, una delle auto più celebri dei 103 anni di storia dell’azienda e la prima Bentley a portare il nome Continental.

Con i soli 208 esemplari prodotti, la Continental R-Type era già una vettura rara negli anni Cinquanta e lo è ancor più oggi, passata alla storia come la Bentley di riferimento e l’incarnazione del DNA gran turismo del marchio. Il suo ethos e il suo design sono stati d’ispirazione per la prima Continental GT nel 2003, e da allora ha continuato ad essere la musa ispiratrice del design team di Bentley.

Mentre il primo prototipo di Bentley Continental R-Type (noto come “Olga” grazie alla sua immatricolazione OLG490) fu messo su strada nell’agosto del 1951, la vettura entrò in produzione solo nel maggio del 1952 e le consegne ai clienti iniziarono a giugno.

All’epoca, era l’autovettura a quattro posti più veloce del mondo, un primato che è stato raccolto dalla moderna Continental GT nel 2003. Era anche la più costosa, con un prezzo di 6.928 sterline, quasi quattro volte il prezzo medio di una casa nel Regno Unito nel 1952.

L’iconica R-Type Bentley Continental

Nata da un’idea del capo ingegnere Ivan Evernden e del capo stilista John Blatchley, la R-Type Continental fu descritta all’epoca dalla rivista Autocar come “un moderno tappeto magico che annulla le grandi distanze“.

Due vetture speciali carrozzate prima della guerra, la Bentley “Embiricos” e la Corniche Mk V, avevano dimostrato i vantaggi di un disegno che migliorasse l’aerodinamica.

All’inizio degli anni Cinquanta, Ivan Evernden si ispirò a queste creazioni uniche per realizzare un elegante coupé basato sulla berlina Bentley R-Type.

La potenza del motore a sei cilindri in linea da 4.566 cc fu portata da 140 a 153 CV e la trasmissione proponeva un rapporto di trasmissione finale più alto. Il prototipo raggiunse una velocità media di 118,75 miglia orarie in cinque giri (con il miglior giro di poco inferiore alle 120 miglia orarie) sul circuito di Montlhèry, vicino a Parigi.

Per rispettare il peso previsto, i carrozzieri HJ Mulliner hanno realizzato la carrozzeria in alluminio, come le cornici dei finestrini, il parabrezza, le luci posteriori, i telai dei sedili e i paraurti.

Anche con un peso ridotto, la scelta degli pneumatici era fondamentale: non esistevano pneumatici stradali standard in grado di trasportare un’auto di due tonnellate a velocità superiori a 115 miglia orarie, e furono scelti pneumatici Dunlop Medium Distance Track.

Il primo modello di serie fu consegnato al proprietario nel giugno del 1952 e, al termine della produzione nel 1955, erano state prodotte 208 Bentley Continental R-Type. Di queste, 193 furono carrozzate da HJ Mulliner. Altri celeberrimi carrozzieri come si cimentarono in esclusive realizzaioni: Park Ward (quattro drophead e due coupé), Franay (cinque vetture), Graber (tre vetture) e Farina (una).

C’è un modello proprietario di Bentley

Bentley Continental R-Type con motore originale da 4,6 litri

La Bentley Heritage Collection è l’orgogliosa proprietaria della Continental R-Type telaio BC16C, immatricolata JAS 949. JAS” è stata costruita nel 1953 e consegnata al suo primo proprietario, lo svizzero Rowland Guenin, nel dicembre 1953.

Fu ordinata in colore avorio con interni rossi e cambio manuale, specifiche che conserva ancora oggi insieme al motore originale da 4,6 litri. Bentley Motors ha acquisito la JAS 949 nel 2001 e l’ha mantenuta in un eccellente stato meccanico, conservandone con cura le sue caratteristiche originali.

L’auto viene guidata regolarmente e viene spesso esposta nel campus di Bentley e in occasione di eventi in tutto il mondo.

Un’interpretazione moderna

Bentley Continental R-Type in pista

Tutte e tre le moderne generazioni della Continental GT hanno un design esterno ispirato alla Continental R-Type. L’elegante “power line” che si sviluppa verso il posteriore partendo dal passaruota anteriore, il muscoloso e definito posteriore e la linea del tetto elegantemente inclinata sono tutte interpretazioni moderne delle stesse caratteristiche della Continental R-Type, che conferiscono alla moderna Continental GT lo stesso armonico equilibrio, bellezza e autorevolezza della sua antenata.

Allo stesso modo, le caratteristiche della moderna Bentley Continental di
trasportare 4 passeggeri adulti con i loro bagagli e. con caratteristiche dinamiche e di velocità su lunghe distanze con un comfort eccezionale, affonda le sue radici in questo capolavoro creato 70 anni or sono.

L’ultimissima versione, la Continental GT Speed, aggiunge prestazioni dinamiche ancora più esaltanti alle caratteristiche di unicità che contraddistinguono da sempre le moderne Continental.

Parole di Riccardo Mantica

Nell’editoria online dal 2001 quando scrivere per il web era una chimera. Pubblicista dal 2005, blogger per caso nel 2010, ha vissuto l’avvento del web 2.0 e dei social network condividendone gioie e dolori. Le passioni coltivate negli anni per sport, motori e tecnologia sfociano oggi anche nel panorama della mobilità sostenibile. Il motto preferito? Guardare sempre avanti senza dimenticare il passato. Stay tuned!