Bosch e Microsoft si uniscono per le auto connesse del futuro

I due colossi hanno annunciato che lavoreranno in sinergie per la realizzazione di un software innovativo per le auto del futuro

microsoft

Foto Getty Images | Jeenah Moon

Bosch e Microsoft sanciscono un accordo di collaborazione per sviluppare una piattaforma software in grado di realizzare una perfetta integrazione tra le auto connesse e il Cloud. Le due grandi aziende uniscono le loro competenze per un progetto comune che coniuga il settore automobilistico a quello del Cloud Computing. Il risultato sarà un software destinato alle vetture di prossima generazione.

Bosch e Microsoft insieme per un software innovativo

Ma come funziona esattamente? La piattaforma, che sarà basata su Microsoft Azure, comprenderà anche moduli software di Bosch, in grado di sviluppare una piattaforma da scaricare via Cloud sulle unità di controllo e sui monitor della vettura. In questo modo gli utenti avranno un accesso facilitato e più rapido a nuove funzioni e servizi digitali.

Anche tra i costruttori di automobili c’è grande attesa. La sinergia tra Bosch e Microsoft permetterà, infatti, di sviluppare strumenti sempre più innovativi per aumentare l’efficienza e ridurre i costi di sviluppo del software per veicoli. La nuova piattaforma sarà disponibile già entro la fine del 2021, o almeno secondo quanto emerge dalle ultime indiscrezioni.

Bosch aggiorna già oggi in modo sicuro il software per auto via etere – ha spiegato Markus Heyn, membro del consiglio di amministrazione di Robert Bosch GmbH – e con la piattaforma definita dal software, vogliamo consentire alle Case automobilistiche di sviluppare nuove funzioni e metterle sulla strada più velocemente“.

Una piattaforma per le vetture di ultima generazione

Questo tipo di software giocherà un ruolo fondamentale per le vetture di nuova generazione con la possibilità di effettuare aggiornamenti e upgrade più frequenti, in concomitanza con l’avvento dell’elettromobilità, della guida assistita e dei moderni servizi di mobilità. Saranno, inoltre, garantiti i severi requisiti di sicurezza da osservare durante il periodo di uso e sosta del veicolo connesso, anche se si complicano le sfide legate agli aggiornamenti del software wireless e dei servizi digitali.

Bosch metterà a disposizione le sue competenze specifiche in merito alle architetture elettriche ed elettroniche, alle unità di controllo dei computer e dei veicoli, indispensabili per gli aggiornamento via etere dei veicoli. D’altra parte, Microsoft contribuirà con la sua esperienza basata su software e strumenti di sviluppo per automobili. Tra questi ultimi, si annoverano il software di base e il middleware per i computer dei veicoli e le unità di controllo, nonché i moduli software basati su cloud per portare aggiornamenti over-the-air a intere flotte di veicoli.

Parole di Linda Pedraglio

Mi chiamo Linda Pedraglio. Sono nata e cresciuta in un piccolo paese vicino al lago di Como, ma, fra studio e lavoro, ho avuto modo di vivere città diverse: l’Erasmus a Helsinki, gli anni dell’università a Milano, il corso di giornalismo a Firenze. Sogno una piccola casa sul lago, piena di libri, che sono il mio affaccio sul mondo, e un orto di pomodori e peperoncini. Attualmente, collaboro con Alanews nella produzione di contenuti per il network Deva Connection, dove mi occupo di donne, salute e benessere, con qualche incursione nel percorso di emancipazione femminile.