Brabus 800, il super SUV basato sulla Maybach GLS 600

Il 4.0 V8 è stato attentamente potenziato con una centralina Brabus PowerXtra B40S-800 e turbo più grandi per toccare gli 800 CV

Brabus 800 profilo anteriore

Un abito firmato Brabus quello indossato dalla Mercedes-Maybach GLS 600 4 Matic reso ancor più potente e lussuoso dall’azienda di tuning tedesca. Si chiama Brabus 800 ed è un upgrade prestazionale ed estetico del SUV di punta della casa della Stella.

Potremmo definirlo il salotto più veloce esistente considerate le prestazioni estreme che regala questa esclusiva versione. La “cura” Brabus ha portato infatti il motore su nuovi settaggi. Il V8 turbo 4.0 litri out produce in questo caso 789 CV e 950 Nm di coppia.

Si tratta di un aumento di 240 CV e 220 Nm di coppia rispetto al modello base, raggiunto grazie all’installazione di nuovi turbo e un modulo di controllo Powerxtra. Ciò consente a SUV di lusso a trazione integrale di accelerare da 0 a100 km/h in 4,5 secondi, prima di raggiungere una velocità massima limitata elettronicamente di 300 km/h.

Brabus 800, le principali modifiche apportata alla Maybach GLS

I designer Brabus hanno sviluppato componenti della carrozzeria in carbonio a vista aerodinamicamente efficienti con uno stile sportivo ed elegante appositamente per questo modello. Danno al SUV di lusso un aspetto più atletico.

Per abbinarsi alla finitura in vernice nera del veicolo, tutte le parti cromate di produzione sono state dotate di vetri Shadow Grey. Per enfatizzare anche visivamente le ambizioni sportive del Brabus 800 e per ottimizzare ulteriormente l’aerodinamica, lo studio di design dello specialista della raffinatezza ha sviluppato componenti della carrozzeria su misura per la variante Maybach della Classe GLS.

Brabus 800 frontale

Il frontale è potenziato con uno spoiler anteriore Brabus , e con il rivestimento anteriore in carbonio per le prese d’aria nel paraurti conferisce al SUV un volto ancora più distintivo. Questo componente di miglioramento aerodinamico è sagomato per ridurre la portanza alle alte velocità.

C’è anche un aggiornamento sportivo nella parte posteriore, dove il paraurti è dotato di una speciale sezione inferiore Brabus , che ospita il diffusore centrale e integra due ritagli perfettamente sagomati su entrambi i lati per i terminali di scarico dell’impianto di scarico sportivo Brabus .

Brabus 800 posteriore

Inoltre al retrotreno è stato introdotto un diffusore in carbonio con doppio scarico a firma Brabus che garantisce un sound molto aggressivo. In più, l’auto è stata abbassata di 25 mm grazie alle sospensioni ad aria Airmatic, mentre il pacchetto viene completato da cerchi da 24”. Formati con una particolare tecnica per massimizzarne la resistenza, sono montati su enormi pneumatici 295/35 all’anteriore e 335/30 al posteriore.

Abitacolo in perfetto stile Brabus

Brabus 800 dettaglio interni

un tocco di vivacità all’interno della Brabus 800 lo da l’elegante interno in pelle pregiata Brabus in luminoso Leonis Orange. Questa pelle particolarmente morbida e traspirante sulle sezioni centrali dei sedili, sui pannelli delle porte e sull’intero pavimento dell’abitacolo presenta perforazioni e trapuntature quadrate applicate con precisione millimetrica. Nella parte posteriore, gli interior designer di Brabus hanno integrato una business console su misura con due tavolini a scomparsa.

Brabus 800 interni

Per abbinarsi al design esterno , tutti gli interruttori e gli elementi decorativi sono dotati di vetri Shadow Grey. Gli elementi in carbonio Brabus Signature sul cruscotto, sulla plancia centrale e sui pannelli delle portiere aggiungono elementi sportivi all’abitacolo. Essi sono integrati con pedali in alluminio, perni dello sportello e levette sul volante in Brabus RACE Design .

Parole di Riccardo Mantica

Nell’editoria online dal 2001 quando scrivere per il web era una chimera. Pubblicista dal 2005, blogger per caso nel 2010, ha vissuto l’avvento del web 2.0 e dei social network condividendone gioie e dolori. Le passioni coltivate negli anni per sport, motori e tecnologia sfociano oggi anche nel panorama della mobilità sostenibile. Il motto preferito? Guardare sempre avanti senza dimenticare il passato. Stay tuned!