Cartelli stradali divertenti e strani: Clet Abraham e le sue opere

Cartelli stradali divertenti e strani: Clet Abraham e le sue opere

Cartelli stradali divertenti, strani, ma anche artistici. Non è possibile rinchiudere l’arte nei confini canonici della tela o della statua, e questo Clet Abraham lo sa bene quando crea i suoi cartelli stradali artistici, o meglio li modifica. Un artista, sostanzialmente, può trovare arte in qualsiasi cosa, perchè non esiste un’espressione universale che sia fine a se stessa. Ogni oggetto che ci circonda può diventare un’opera, e noi l’esempio lampante ve lo diamo mostrandovi le foto di questi strani cartelli stradali modificati.

Continua a leggere

Continua a leggere

Clet Abraham è ormai diventato celebre in Italia, dove è attivo dal 1990, per aver concepito una forma di arte applicata ai cartelli stradali. Non è propriamente definibile un’artista di strada, ma possiamo ugualmente dire che cerca di portare l’arte in strada e la sua firma è già presente molte città italiane: Napoli, Milano, Torino, Palermo, Lucca e tanti altri centri urbani hanno accolto questa forma di arte poco convenzionale.


CARTELLI STRADALI “SIMPATICI” E DIVERTENTI

Continua a leggere

Continua a leggere

Ma in cosa consiste, esattamente, il suo “lavoro”?

Clet applica degli stickers ai cartelli stradali, che siano di obbligo, di divieto, di lavori in corso e via discorrendo, i quali sfruttano le componenti del segnale originale per creare degli effetti molto particolari. Squali che si rincorrono sul segnale di una rotatoria, un uomo che cerca di tagliare con una sega il rettangolo bianco del divieto di accesso oppure lo stesso rettangolo che diventa il parabrezza di un’auto con tanto di conducente e specchietto retrovisore (c’è da dire che il divieto di accesso è il cartello che Clet Abraham riesce a sfruttare meglio). Insomma, ce ne sono per tutti i gusti!

E voi? Siete mai riusciti a vedere qualcuno di questi cartelli nella vostra città? Condividete con noi le foto che riuscite a scattare!

Continua a leggere

Continua a leggere

Parole di Claudio Anniciello

Da non perdere