Come monitorare e sostituire i freni a tamburo

Ecco tutto quello che c'è da sapere sul monitoraggio e la sostituzione dei freni a tamburo della tua auto. Vediamo insieme quando e come cambiarli.

Uomo sostituisce il freno a tamburo

Foto Shutterstock | CC7

Il sistema di frenatura a tamburo è diverso da quella a disco. Invece di avere una pinza come freno che ospita pastiglie le quali bloccano il disco, ci sono le ganasce, ovvero dei ceppi di materiale d’attrito, i quali, sotto pressione, arrivano a premere l’interno di un tamburo o altrimenti chiamato cilindro rotante. Questa operazione provoca quindi la frenata. Molte piccole auto da città ne sono dotate, soprattutto sull’asse posteriore.

Quando cambiare i freni a tamburo

Il costruttore consiglia di controllare i freni a tamburo generalmente ogni 30.000 km. Tuttavia, le ganasce e i tamburi dei freni possono essere sostituiti solo tra 100.000 km e 150.000 km.

Ci sono però degli indicatori sintomatici che mostrano l’usura dei freni, tra questi ecco i principali:

  • Si avverte uno strappo sul pedale del freno;
  • Si sentono vari rumori di sfregamento, cigolio o stridio;
  • Eccessivo gioco della leva del freno a mano: rimuovendo il sistema frenante, è il momento di pulire tamburi e ganasce;
  • Un’ovalizzazione del tamburo.

Come scegliere i freni a tamburo

I freni a tamburo sono una parte importante della sicurezza, quindi la scelta di un marchio di qualità è essenziale. Conta tra 50 € e 200 € in termini di budget a seconda del tuo veicolo.

Per non sbagliare nella scelta, ti invitiamo a controllare tutte le dimensioni delle ganasce presenti sul tuo veicolo. Osserva anche la forma del cilindro della ruota.

Come sostituire un freno a tamburo efficacemente

Gli strumenti necessari:

  • Martello
  • 1 cric
  • 1 set di cacciavite piatto
  • Detergente per freni aerosol
  • 1 pinza
  • Spazzola metallica

Cambia il tuo kit freno posteriore in pochi passaggi

  1. Rimuovere la ruota. Allentare i dadi ad alette del veicolo ad entrambe le ruote posteriori prima di sollevare il veicolo. Rimuovere eventuali coprimozzi delle ruote o copriruota centrali che potrebbero coprire i dadi ad alette. Fissare la ruota su cui lavorare sul cric e dare stabilità alle ruote anteriori, utilizzando cunei di pneumatici o blocchi di legno, per evitare che il veicolo rotoli. Una volta che i blocchi di legno sono in posizione, abbassare lentamente il veicolo sui cavalletti.
  2. Rimuovere il tappo di metallo. È fissato al centro del tamburo. È meglio rimuoverlo con un cacciavite o un piccolo scalpello. Picchietta delicatamente con un martello per rimuoverlo. Fare attenzione a non danneggiarlo perché questo tappo è raramente fornito con kit freno.
  3. Allentare il dado principale ed estrarre un tamburo del freno.
  4. Rilasciare il freno a mano e il tamburo uscirà da solo. In caso di marcata usura di quest’ultimo, inserire due cacciaviti che serviranno da efficaci leve per l’allentamento del tamburo. Possiamo vedere qui che il tamburo deve essere cambiato o ricondizionato.
  5. Segna la posizione di tutti gli elementi in modo da poter mettere insieme tutto nello stesso ordine.
  6. Rimuovere le clip di fissaggio situate sulle ganasce. Per fare ciò, usa una pinza a becchi mezzotondi e poi ruota di un quarto di giro. Prepara le ganasce di sostituzione dei freni. Preferisci sempre acquistare un kit freno “preassemblato” perché è più facile da posizionare nel tamburo.
  7. Estrarre le molle utilizzando una pinza. Tirando le mascelle, puoi anche estrarre tutto in una volta.
  8. Inizia la pulizia dei freni a tamburo. Posizionare un secchio sotto la ruota e pulire accuratamente solo con un detergente per freni. Pulire anche il cavo del freno di stazionamento con il solvente e ingrassalo.
  9. Rimuovere il cilindro della ruota, i cui fissaggi si trovano anche nella parte posteriore del tamburo. È supportato da 2 bulloni. Pulire di nuovo bene il gruppo con un detergente per freni aerosol. Quindi sostituire il nuovo cilindro della ruota e collegare il più possibile a mano il collegamento idraulico e lubrificare il mozzo con grasso preferibilmente al rame.
  10. Fissare l’assieme sul supporto e posizionando le clips di fissaggio e facendole compiere un quarto di giro. Posiziona il dito dietro per guidarti.
  11. Rimontare il tamburo avendo cura di pulirlo.
  12. Rimontare la ruota.

Consigli e suggerimenti per i tuoi freni a tamburo

Raccomandazioni:

– Non soffiare mai sugli elementi frenanti quando il tamburo è smontato. Utilizzare sempre solo detergenti per freni. I freni sono stati a lungo realizzati in amianto. Fortunatamente, quel tempo è finito, ma sui veicoli più vecchi, alcuni sistemi potrebbero ancora averli.

– Se si cambia anche il tamburo, utilizzare un detergente per freni per rimuovere lo strato di paraffina con cui è ricoperto.

Fonti:
https://www.autoparti.it/freno-a-tamburo