Czinger 21C, l'hypercar misteriosa da 1250 Cv sarà al Salone di Ginevra

Czinger 21 C 1

Se il nome Czinger non suona familiare c’è poco da preoccuparsi. Czinger Vehicles è una casa appena nata che ha sede a Los Angeles, in California, pronta ad unirsi al mondo dell’automotive come nuovo produttore, sfoggiando la sua prima hypercar, denominata Czinger 21C, al prossimo Salone di Ginevra.

Continua a leggere

Continua a leggere

La sua prima creatura verrà svelata in maniera completa e ufficiale al Motor Show svizzero anche se, ancora prima della kermesse elvetica, la casa americana ha voluto dare un assaggio della super sportiva mostrando alcune foto del veicolo e rivelando alcuni dati tecnici che fanno capire la potenza della propria creatura.

Un potente powertrain ibrido

[youtube code=”https://www.youtube.com/watch?v=1pqfL1lIvg4″]

Continua a leggere

Continua a leggere

La startup ha deciso di scoprire le prime carte prima tramite un video condiviso su YouTube, il quale permette di ascoltare il sound del propulsore ibrido sotto al cofano e poi svelando le caratteristiche tecniche dell’auto che sarà prodotta in appena 80 esemplari nelle varianti stradale e da pista. A far paura sono prima di tutto i dati relativi al motore della 21C, che promette 1.250 Cv per un peso a secco di circa 1183 kg per la versione stradale e 1151 kg per la Lightweight, ossia quella da pista; numeri che fanno accelerare l’auto da 0-100 in soli 1,9 secondi, dato reso possibile anche dalla leggerezza della costruzione in materiali compositi e alla erogazione della coppia dell’unità ibrida – di cui al momento non si conoscono dettagli – arrivando a toccare, a seconda della configurazione aerodinamica, quota 432 km/h a fronte di 250 kg di downforce a 250 km/h nella configurazione stradale, mentre la Lightweight si ferma a 380 km/h con 790 kg di carica a 250 km/h.

Un design iconico

Czinger 21C, però, avrà anche un design iconico con configurazione dei sedili in linea, quindi con il conducente e il passeggero al centro, uno dietro l’altro, in tandem. Questo rende la sportiva estremamente sottile oltre che ricca di compositi di carbonio e parti costruite con una stampante 3D. Il grosso alettone posteriore non passa inosservato, così come la striscia luminosa che corre lungo tutta la larghezza della coda dell’auto, sovrastato da un grosso scarico. Design particolare e molto “tirato”, fatto di tanta fibra di carbonio, a nascondere il misterioso powertrain ibrido mentre gli interni sono stati rivestiti esclusivamente di Alcantara e sono dominati dai display di controllo con un volante dalla forma decisamente particolare.

Czinger è la prima del suo genere a sviluppare nuove tecnologie di produzione additiva per escogitare una rivoluzionaria hypercar “, è quanto affermato nel primo comunicato stampa della società. Per maggiori dettagli, però, bisognerà aspettare il suo unveiling al Motor Show di Ginevra.

Continua a leggere

Continua a leggere

Parole di Riccardo Mantica

Nell’editoria online dal 2001 quando scrivere per il web era una chimera. Pubblicista dal 2005, blogger per caso nel 2010, ha vissuto l’avvento del web 2.0 e dei social network condividendone gioie e dolori. Le passioni coltivate negli anni per sport, motori e tecnologia sfociano oggi anche nel panorama della mobilità sostenibile. Il motto preferito? Guardare sempre avanti senza dimenticare il passato. Stay tuned!

Da non perdere