“Dacia The Auction” e la prima “partita asta” della storia del calcio italiano

Undici magliette, undici progetti mirati alla promozione del Nord-Est Italia selezionati fra i numerosi tifosi del club friulano. Scopriamo insieme tutti i dettagli di questa iniziativa “Dacia The Auction”, avvenuta durante il match di serie A Udinese-Lazio

da , il

    “Dacia The Auction” e la prima “partita asta” della storia del calcio italiano

    Noi di AllaGuida.it siamo stati invitati a partecipare al match Udinese – Lazio di serie A per assistere alla prima “partita – asta” della storia del calcio italiano, organizzato in collaborazione dalla casa rumena e della squadra friulana, il cui ricavato verrà devoluto in beneficenza. Dacia è il main sponsor dell’Udinese calcio, una partnership che va avanti dal 2009 con reciproca soddisfazione. Per la quinta edizione di “Dacia Sponsor Day” è stata creata una nuova iniziativa a favore del sociale, per dimostrare che la casa rumena, di proprietà del gruppo Renault, è molto più di una semplice scritta su una maglia.

    Guarda anche:

    11 SOGNI E UN BATTITORE D’ECCEZIONE

    L’Udinese ha una lunga storia alle spalle, ma per la prima volta nella loro storia i giocatori hanno indossato nel match undici maglie tutte diverse fra loro, appartenute alle passate stagioni della squadra bianconera. Queste magliette sono stati vendute all’asta. Ogni maglia serviva per aiutare 11 tifosi a realizzare i propri sogni imprenditoriali, tutti accomunati dallo scopo di far conoscere e far crescere il Friuli Venezia Giulia. Il testimonial, nonché banditore dell’asta, è stato Ciro Ferrara una dei più forti difensori del calcio italiano.

    Ciro Ferrari Dacia

    I RISULTATI DELL’ASTA

    Le maglie si potevano acquistare sul sito di aste online catawiki.it fino al fischio finale della partita, terminata per 2-1 a favore della Lazio. Il ricavato che varia da 500 a 1.700€ contribuirà alla realizzazione dei seguenti progetti.

    Maglia 1993-94: Mauro Guarini- sogna di aprire un’agenzia di servizi

    Maglia 1997-98: Zaral Virgolin – sogna un viaggio in bici per raccontare la storia di chi ha superato un delicato intervento chirurgico

    Maglia 2002-03: l’ambizione di Eleonora Antonini è girare un documentario sul Friuli

    Maglia 2004-05: Virginia Yessica Sevilla – sogna di realizzare una casa famiglia per anziani e ragazzi diversamente abili

    Maglia 2005-06: Luca Sturma – desidera creare un marchio che esprima tutti i valori e l’orgoglio dell’essere un alpino

    Maglia 2009-10: Corrado Peruggia – sogna la libertà di un viaggio coast-to-coast in solitaria

    Maglia 2010-11: l’ambizione di Samantha Cartelli è creare una Società di consulenza per il mondo del retail per far crescere le aziende del territorio

    Maglia 2012-13: Michela Bonan – sogna di pubblicare un libro sugli antichi opifici sorti a Udine e valorizzare così la sua città

    Maglia 2014-15: Federico Rosini – vorrebbe creare una palestra in prossimità della Dacia Arena

    Maglia 2016-17: Enza Latona – sogna di realizzare un orto cittadino e una piscina da mettere a disposizione della comunità

    Maglia 2016-17 (maglia portiere): Ottavia Campanotto – ama gli animali e vuole aprire una pensione per amici a quattro zampe dotata di tutti i comfort.