DS 3 Crossback, la Toits de Paris scelta per la Milano Fashion Week

Edizione limitata celebrativa, si rivolge ad un pubblico femminile elegante e raffinato, prezzi da 27.750 euro

DS 3 Crossback Tetti di Parigi

Fonte Stellantis

Eleganza e raffinatezza abbracciano le passerelle di Milano con la DS 3 Crossback Toits de Paris. Spinta da un carattere unico, un comfort eccezionale e una posizione di guida elevata, DS 3 Crossback si presenta sotto forma di una nuova edizione limitata definita appunto “Tetti di Parigi”.

Ed è proprio l’occasione modaiola della Milano Fashion Week a dare il via agli ordini di questa edizione speciale che verrà offerta con 5 diversi propulsori, tra cui E-Tense 100% elettrica.

Come un abito sartoriale in scena a Milano, una delle Big Four insieme a Parigi, Londra e New York, l’edizione Toits de Paris di DS 3 Crossback apre le sue porte anche in Italia, presentando un nuovo tocco di eleganza, particolarmente attraente per un pubblico femminile, in linea con un target di donne ricercate, come gli abiti che scelgono per essere al passo con il loro stile, unico e distintivo.

DS 3 Crossback, la Toits de Paris un progetto celebrativo

DS 3 Crossback Toits De Paris in strada

La versione DS 3 Crossback Toits De Paris deve questa scelta alla celebrazione di una parte fondamentale del patrimonio parigino, i tetti di Parigi.

Il progetto di George Haussmann che ha plasmato la città durante la seconda metà del XIX secolo, ingrandendo le piazze e trasformando quella che era una città medioevale in una capitale moderna, ha messo in luce anche le case dei cittadini Parigini e in una ventina di metri sopra le strade, gli edifici formavano cosi un mare di tetti grigio zinco da dove emergono tuttora i monumenti più belli della capitale.

DS 3 Crossback Toits de Paris vista alta
Fonte Stellantis

Attraverso i loro colori, le loro forme, le storie nascoste sotto i loro solai, i tetti di Parigi hanno ispirato numerosi artisti. Pittori, poeti, registi e fotografi.

E la DS 3 Crossback Toits De Paris, li celebra aggiungendo un colore del tetto originale Grigio Carat da abbinare a uno dei cinque colori offerti. Bianco Perla, Bianco Polare, Noir Perla Nera, Gris Artense e Grigio Cristallo.

L’esterno è finemente rifinito con badge esclusivi davanti e sui lati che rivelano lo skyline parigino e monumenti iconici come la Torre Eiffel, la Torre di Montparnasse e il Sacro Cuore.

La griglia presenta punte cromate. Al posteriore, la fascia sul portellone è nero Gloss. I cerchi Shanghai da 18″ con taglio a diamante contribuiscono all’impressione di qualità e al carattere generale del modello.

DS 3 Crossback Toits de Paris interni
Stellantis

Nell’abitacolo, presente un interno Bastille sotto una nuova luce con una finitura in tre materiali sui sedili. Tessuto Perruzzi e con cuciture Grigio Graffite insieme a un rivestimento DS Carla Mistral.

Il cruscotto e i pannelli delle portiere sono rivestiti in DS Mistral Scale, un materiale tanto tecnico quanto elegante, creato dall’esperienza di DS Automobiles mentre i braccioli sono rivestiti in DS Isabella Mistral Canvas.

Una vasta scelta di motori

Per questa edizione limitata DS propone cinque i propulsori disponibili. E-TENSE 100% elettrica da 41.400 euro al lordo dei contributi ambientali, benzina da 27.750 euro in PureTech 100 Manual e PureTech 130 Automatic e diesel da 29.600 euro in BlueHDi 110 Manual e BlueHDi 130 Automatic.

DS 3 Crossback Toits de Paris motori
Stellantis

Tra gli equipaggiamenti degni di nota ci sono i sensori di parcheggio posteriori, il climatizzatore automatico e i tergicristalli anteriori con avviamento automatico e regolazione della velocità.

Si aggiungono le tecnologie di sicurezza come il freno di sicurezza automatico, gli airbag frontali, laterali e a tendina anteriori e posteriori, il cruise control/limitatore di velocità e riconoscimento del limite di velocità con adattamento di velocità consigliato.

Parole di Riccardo Mantica

Nell’editoria online dal 2001 quando scrivere per il web era una chimera. Pubblicista dal 2005, blogger per caso nel 2010, ha vissuto l’avvento del web 2.0 e dei social network condividendone gioie e dolori. Le passioni coltivate negli anni per sport, motori e tecnologia sfociano oggi anche nel panorama della mobilità sostenibile. Il motto preferito? Guardare sempre avanti senza dimenticare il passato. Stay tuned!