Ferrari 296 GT3, l'auto nata per correre

La casa di Maranello ha presentato la nuova vettura progettata per le competizioni GT che raccoglie l’eredità della 488 GT3

Ferrari 296 GT3

Ferrari 296 GT3 - Foto credits Ferrari media

Ferrari è pronta ad essere protagonista anche nelle classiche del mondiale Gran Turismo tanto che per farlo la casa di Maranello ha presentato Ferrari 296 GT3, vettura che rappresenta il futuro del Cavallino Rampante nelle competizioni di velocità.

Ferrari 296 GT3 nasce dalla 296 GTB, la più recente evoluzione del concetto di berlinetta sportiva a 2 posti della casa di Maranello, ma rappresenta un progetto innovativo dal punto di vista della progettazione, della gestione della vettura in tutte le fasi di un weekend di gara, dell’elettronica, fino alla nuova architettura del propulsore, un 6 cilindri turbo a 120°.

Le caratteristiche della nuova Ferrari 296 GT3

Ferrari 296 GT3 segna il ritorno in pista di una Ferrari equipaggiata con un propulsore 6 cilindri anche se, in osservanza dei regolamenti tecnici, non è dotata dell’unità elettrica che invece caratterizza la 296 GTB. La fluiodinamica interna del motore e le componenti specifiche adottate per la versione da pista del propulsore sono state studiate e messe a punto dagli ingegneri di Ferrari per garantire prestazioni, affidabilità e guidabilità senza compromessi. Il cambio, invece, è nuovo e sviluppato appositamente per questa vettura con un’unità frizione monodisco che è dotata di sei marce, elettronica ed è controllabile al volante, anziché essere meccanica a pedale, mentre il cambio marcia ha un’attuazione elettrica.

Ferrari 296 GT3
Ferrari 296 GT3 – Foto credits Ferrari media

Dal punto di vista del design la vettura ha mantenuto intatto il collegamento al modello di serie ma con una configurazione aerodinamica rivista che ha portato ad un guadagno del 20% in termini di carico verticale sulla vettura rispetto alla generazione precedente. Rispetto alla controparte stradale, la 296 GT3 si caratterizza per un passo allungato e per l’impianto frenante rivisto e potenziato, con pinze e dischi (ora di 400 mm all’avantreno) di nuova concezione. Completamente inediti, invece, i cerchi forgiati della 296 GT3, sviluppati e omologati in esclusiva da Rotiform per questo modello.

Gli interni, invece, sono stati completamente riprogettati con una cellula costruita per permettere all’occupante di trovare rapidamente ed in maniera efficace la miglior posizione di guida, con le principali funzioni sempre a portata di mano tanto che molti dei comandi e delle funzionalità sono state infatti trasferite sul nuovo volante, ispirato a quello delle monoposto di Formula 1, mentre la collocazione del sedile permette una visibilità ottimale, tanto di giorno quanto di notte.

Parole di Matteo Vana

Laureato in Editoria e Giornalismo, ha iniziato a muovere i primi passi con calcio e motori, due passioni delle quali ha fatto un lavoro. Pubblicista dal 2014, ama lo sport, i viaggi e i fumetti