Svelata la Ferrari 488 GT Modificata, in edizione limitata e solo da pista

Spinta dal V8 biturbo da 700 Cv di potenza, porta all’estremo le caratteristiche tecniche delle supercar da corsa 488 Gt3 e Gte

Ferrari 488 GT Modificata

Foto Ufficio Stampa Ferrari

Un modello in edizione limitata solo per la pista, ma non per le competizioni. E’ la Ferrari 488 GT Modificata, estremizzata al massimo dai tecnici di Maranello, senza le limitazioni imposte dal regolamento FIA.

Non per niente la 488 GT Modificata sarà riservata esclusivamente all’utilizzo in pista durante track days e agli eventi di Ferrari Club Competizioni GT, esclusiva per pochissimi (fortunati) clienti.

Vista posteriore della Ferrari 488 GT Modificata – Foto Ufficio Stampa Ferrari

La vettura propone nel nome la parola ‘Modificata’ che nel gergo di Maranello codifica i progetti sottoposti a evoluzioni che ne abbiano migliorato le prestazioni. Estremizza le già straordinarie performance della 488 GT3 e della 488 GTE e il leggendario V8 biturbo è stato oggetto di ricerca avanzata che ha portato a un disegno specifico di alcuni componenti e alla condivisione di materiali direttamente con il propulsore impiegato in gara: la potenza massima erogata dal motore si attesta intorno ai 700 cavalli.

Il V8 Biturbo della 488 GT Modificata – Foto Ufficio Stampa Ferrari

Il cambio, disponibile con diversi rapporti di trasmissione, e la frizione in fibra di carbonio contribuiscono a gestire la maggiore potenza e la coppia erogate dal motore.

La 488 GT Modificata sfrutta un’aerodinamica ad alto carico (consente di generare un carico aerodinamico pari a 1.000 kg alla velocità di 230 km/h) completamente rinnovata dopo un intenso sviluppo e test sull’anello nord del Nürburgring che ha raggiunto l’obiettivo di spostare anteriormente il centro di pressione, generando un carico maggiore all’anteriore senza aumentare la resistenza complessiva, per una migliore efficienza e sensibilità alle variazioni di incidenza dell’ala posteriore.

Gli interni della Ferrari 488 GT Modificata – Foto Ufficio Stampa Ferrari

La dotazione di serie include la carrozzeria di carbonio, la telemetria V-Box, il sedile per il passeggero, la retrocamera ad alta risoluzione e il sistema per il controllo in tempo reale della temperatura e della pressione degli pneumatici. Ai clienti, inoltre, sarà offerta la possibilità di personalizzare il proprio esemplare, sia nella livrea, sia nelle finiture interne. La priorità nelle prenotazioni sarà rivolta ai partecipanti degli eventi delle Competizioni GT.

 Il prezzo? Non è stato dichiarato. Ma si parla di più di 800mila euro per chi vorrà accaparrarsi questo gioiello della casa di Maranello.

Parole di Riccardo Mantica

Nell’editoria online dal 2001 quando scrivere per il web era una chimera. Pubblicista dal 2005, blogger per caso nel 2010, ha vissuto l’avvento del web 2.0 e dei social network condividendone gioie e dolori. Le passioni coltivate negli anni per sport, motori e tecnologia sfociano oggi anche nel panorama della mobilità sostenibile. Il motto preferito? Guardare sempre avanti senza dimenticare il passato. Stay tuned!