Ferrari SF90 Stradale, il Covid-19 rimanda il debutto: arriverà a fine 2020

A causa del Covid-19 la Ferrari si è vista costretta a rimandare l'arrivo sul mercato della Ferrari SF90 Stradale che non sarà disponibile prima della fine del 2020.

Ferrari SF90 Stradale, il Covid-19 rimanda il debutto: arriverà a fine 2020

Foto Ferrari

L’epidemia di Covid-19, che ha costretto il mondo auto e non solo allo stop forzato, non risparmia nessuno. Tutti i grandi costruttori, infatti, hanno visto rallentare la propria produzione e tra questi non fa eccezione la Ferrari che si è vista costretta a rimandare l’arrivo sul mercato di uno dei suoi modelli più attesi, la Ferrari SF90 Stradale, che non verrà consegnata prima dell’ultimo trimestre dell’anno, quasi un anno e mezzo dopo la presentazione, mentre la casa di Maranello aveva previsto di far arrivare l’auto ai primi clienti entro la fine di giugno 2020.

L’arrivo sul mercato della Ferrari SF90 Stradale rimandato causa Covid-19

Un ritardo giustificato dal lockdown. Con la riduzione delle entrate a seguito di questo periodo, infatti, Ferrari si è anche vista costretta a rallentare il processo produttivo, riducendo le unità giornaliere con conseguenti ritardi nelle consegne. Riviste ovviamente le previsioni del fatturato del 2020, così come per gli utili. I rallentamenti non sono però solo da ricercarsi nei processi interni della casa di Maranello ma anche nella catena di approvvigionamenti da parte dei fornitori, molti ancora chiusi o con ritardi importanti sulla produzione delle componenti.

Leggi anche: Leclerc attore per un giorno, per le strade di Monaco sulla Ferrari SF90 Stradale

A rendere noto questo ritardo nelle consegne è stata la Ferrari stessa che, per bocca dell’AD Louis Camilleri, ha sottolineato come “le consegne ai nostri clienti inizieranno nelle prime fasi del quarto trimestre, ma il rapido aumento della produzione sarà inevitabilmente ritardato“.

Parole di Matteo Vana

Laureato in Editoria e Giornalismo, ha iniziato a muovere i primi passi con calcio e motori, due passioni delle quali ha fatto un lavoro. Pubblicista dal 2014, ama lo sport, i viaggi e i fumetti