Fiat Panda nei guai, una rivale storica lancia un super modello: a Torino temono il peggio

Fiat Panda, in un modo o nell’altro, è sempre sotto la bocca di tutti. E adesso per un motivo davvero molto curioso.

Ne abbiamo parlato moltissime volte della Fiat Panda. Dopotutto, l’automobile italiana ha fortemente contribuito a rendersi così appetibile, discussa ed apprezzata. Fin dagli anni ottanta, primi anni della sua storica produzione, la Panda ha dato prova di sé grazie a caratteristiche tecniche, meccaniche ed estetiche tanto semplici quanto piacevoli.

fiat panda rivale citroen
Trema la Fiat Panda (AllaGuida)

Non parleremo di una vettura sofisticata come una Ferrari o di un’auto splendida come una Porsche, ma anche la creatura di casa Fiat ha dimostrato di meritarsi tutti gli elogi e i consensi ricevuti nel corso degli anni.

Gli automobilisti hanno imparato ad apprezzarla, gli appassionati a capirla e gli addetti ai lavori a comprendere ed infine elogiare l’importanza che ha avuto e che tuttora ha per l’automobilismo.

Fiat panda, che news: riguarda una rivale storica

In ottica Fiat Panda, la settimana che deve ancora venire sarà veramente molto importante. Il B-SUV italiano debutterà nel 2024, ma il 17 ottobre verrà svelata al mondo la nuova Citroen e-C3, mezzo interamenete elettrico che di fatto rappresenta la gemella a quattro ruote della Panda. Le due auto condividono la stessa piattaforma eCMP – o la STLA Small – e avranno dimensioni simili: circa quattro metri di lunghezza. Saranno perciò strettamente imparentate. Ecco perché, oltre al valore dell’azienda francese, la presentazione della Citroen prende una piega molto più importante.

fiat panda citroen novità
Citroen lancerà a breve la sua nuova auto: sarà una presentazione importante per conoscere meglio anche la Panda (allaguida.it – Ansa)

Senza contare che potremmo scoprire anche il prezzo della stessa, in Francia non si parla di più di 25.000 euro, e quindi in un certo senso orientarci al meglio sul possibile valore di mercato della Panda (che, ricordiamo, dovrebbe costare meno di ogni rivale diretta). C’è ancora tempo per capire a fondo cosa succederà attorno alla nuova vettura della società torinese. Di sicuro qualche indizio importante potremo averlo già a partire dalla terza settimana di ottobre. Attenzione, però, perché Fiat potrebbe tenere a listino ben due Panda diverse.

L’attuale versione, infatti, potrebbe essere prodotta almeno fino al 2026. Un modo efficace per essere più appetibile e inclusiva commercialmente parlando: una vettura piccola, classica ed economica da una parte e nuova, moderna, aggiornata ed elettrica dall’altra. Un astrategia ottimale per un’azienda che evidentemente punta a catturare più automobilisti e papabili compratori possiibli. Vedremo se funzionerà. Nel frattempo, occhio alla presentazione della nuova Citroen: interessa alla Francia e a tutto il mondo, a noi italiani in particolar modo.

Impostazioni privacy