Garanzie accessorie RC auto: cosa sono e quali scegliere

Cosa sono le garanzie accessorie, cosa coprono e perché conviene attivarle? Di seguito delle informazioni necessarie per valutare le varie proposte e scegliere le garanzie più adatte alle proprie esigenze.

Assicuratore con dei modelli cartacei di assicurazione per l'auto

Foto Shutterstock | H_Ko

Le garanzie accessorie sono delle coperture aggiuntive che è possibile includere quando si stipula un contratto assicurativo RC Auto con una compagnia assicurativa. Infatti, la legge impone che per circolare le auto debbano avere una polizza assicurativa Responsabilità Civile, che garantisce il risarcimento di danni causati a terzi dalla vettura coperta dalla polizza. Tuttavia, quando si verificano altri eventi che coinvolgono l’auto dell’assicurato sul conducente non vi sono tutele, salvo l’aggiunta delle garanzie accessorie, appunto.

Pertanto, è sempre consigliabile leggere attentamente il regolamento contrattuale della propria polizza, così da valutare nel dettaglio tutti gli aspetti. Inoltre, se si desidera aggiungere delle garanzie accessorie che la propria agenzia assicurativa non propone, oppure offre a un costo esoso, è sempre possibile effettuare il cambio dell’assicurazione auto e trovarne un’altra maggiormente adatta alle proprie esigenze.

Ma quali sono le garanzie accessorie più utilizzate?

Polizza furto e incendio

Tra le coperture aggiuntive più richieste, vi è la copertura furto e incendio. In realtà, si tratta di due tipi di garanzie, che spesso vengono combinate assieme. L’assicurazione furto consente all’assicurato di ottenere un risarcimento in caso di sottrazione, danneggiamento della vettura o a seguito di rapina (anche tentata).  Non copre, invece, il danneggiamento o la sottrazione degli oggetti all’interno del veicolo; tuttavia, in alcuni casi le compagnie estendono il risarcimento al furto delle parti che fanno parte dell’equipaggiamento della macchina, come il navigatore satellitare, lo stereo e simili.

L’ammontare del risarcimento varia a seconda del valore commerciale dell’auto, pertanto è variabile a seconda dell’andamento del mercato di anno in anno.

L’assicurazione incendio, invece, copre i danni causati dal fuoco, ad esempio quelli generati da un fulmine, da un cortocircuito, un surriscaldamento del motore, ecc. Tuttavia, se l’incendio è stato causato dalla negligenza del proprietario, non è previsto alcun risarcimento. Se, invece, l’incendio è originato da un altro veicolo, interviene la copertura RC auto del colpevole

Garanzia Kasko

Come detto in precedenza, l’assicurazione Responsabilità Civile copre solo i danni provocati dal proprio veicolo ad altre persone o cose, ma non i danni subiti. Proprio per questo motivo, è possibile stipulare la polizza kasko, che permette di ottenere un risarcimento in caso di danni accidentali causati dal proprio mezzo (ad esempio l’urto contro un muro).

La copertura kasko ha un costo in genere elevato; pertanto, solitamente viene stipulata da chi possiede un veicolo di particolare valore, in caso di lunghi viaggi oppure se l’auto è guidata spesso da un neopatentato.

È possibile, inoltre, distinguere tra kasko a valore intero e mini kasko. Nel primo caso, non sono previsti limiti di risarcimento e non è stabilito un massimale, mentre la mini kasko (o polizza collisione) prevede un risarcimento solo per i danni causati da scontri con altri veicoli ed è necessario che il danneggiato conosca gli estremi dell’altro veicolo coinvolto e del conducente.

Altri tipi di garanzie

Ovviamente quelle esaminate non sono le uniche garanzie accessorie offerte dalle compagnie di assicurazione. Di seguito ne verranno elencate altre che risultano particolarmente interessanti.

Tutela legale

Questo tipo di garanzia copre le spese legali affrontate dall’assicurato, ad esempio i costi di perizia per le consulenze legali, le parcelle da corrispondere agli avvocati nei processi dovuti a sinistri stradali e i risarcimenti dovuti a terzi stabiliti in sede giudiziaria. Si tratta di una garanzia piuttosto sottovalutata e che, in molti casi, determina il cambio assicurazione auto.

Infortuni conducente

Si tratta di una garanzia che copre gli infortuni subiti durante la circolazione, compresa l’invalidità permanente. In genere, inoltre, tale polizza rimborsa i familiari a seguito della morte del conducente. Tuttavia, è necessario prestare attenzione alle clausole, perché colpi lievi potrebbero non essere inclusi e potrebbe anche essere previsto un massimale.

Assistenza stradale

Con questa copertura è garantito il recupero del veicolo in caso di malfunzionamenti che implicano l’impossibilità di guidare l’auto e il trasporto presso un’officina oppure presso il centro di assistenza della casa produttrice. In alcuni casi è prevista anche una vettura sostitutiva a disposizione dell’assicurato fino a riparazione ultimata del proprio veicolo. 

Potrebbe interessarti