Geely, la casa cinese progetta l'auto che combatte il coronavirus

coronavirus auto

Il coronavirus sta minando le certezze del mondo auto: dopo i numerosi problemi alla produzione delle case automobilistiche, costrette a chiudere soprattutto in Cina, è arrivato anche l’annullamento del Salone di Ginevra, l’evento europeo più importante del settore. Tra le aziende del settore, però, c’è chi si sta adoperando per combattere il coronavirus progettando sistemi studiati appositamente: è il caso di Geely, casa cinese proprietario anche del marchio Volvo, che ha annunciato come tutti i suoi futuri veicoli saranno equipaggiati con un sistema di purificazione dell’aria intelligente G-Clean (IAPS) in grado di filtrare automaticamente le particelle nocive dall’ambiente interno dell’aria del veicolo.

Geely lavora su un sistema in grado di combattere il coronavirus

Un sistema, quello annunciato da Geely, sviluppato in soli 20 giorni in risposta all’insorgenza del Coronavirus che ha interessato vaste aree della Cina; gli ingegneri di Geely hanno lavorato ininterrottamente con i fornitori per portare il concetto dal tavolo da disegno ai futuri veicoli con il sistema che entrerà in produzione da marzo 2020. I nuovi veicoli prodotti da Geely, quindi, equipaggiati con il nuovo sistema IAPS che si caratterizza per il nuovo filtro chimico a carbone attivo avanzato in grado di assorbire efficacemente i gas nocivi – come la formaldeide – che entrano nel veicolo ed è anche in grado di filtrare gli odori irritanti e gli inquinanti nocivi una volta rilevati dal sistema automatico. Inoltre, lo IAPS è dotato di un generatore di ioni negativi in ​​grado di sterilizzare e deodorare negli inquinanti dei veicoli e mirare a rimuovere virus, batteri, funghi e muffe nell’aria, ottenendo lo stesso livello di filtro dell’aria.

Per sviluppare il sistema, Geely ha impiegato i lavoratori che combattono l’epidemia di Coronavirus in tutta la Cina in prima linea. Nell’ambito del programma Geely Healthy Car, inoltre, la casa automobilistica ha deciso di investire una cifra importante nello sviluppo di veicoli più sani. Il lavoro si svolgerà in tre fasi chiave per sviluppare veicoli sani avanzati: nella prima fase Geely introdurrà soluzioni a breve termine come i sistemi IASP che possono offrire una protezione della qualità dell’aria intelligente e di alto livello agli occupanti dei veicoli e introdurli sul mercato a livelli accessibili. Nella seconda e terza fase, invece, Geely collaborerà con le principali agenzie mediche e aziende produttrici di materiali per sviluppare materiali puliti per le parti interne ed esterne come pulsanti e maniglie che potrebbero ospitare batteri e virus dannosi.

Parole di Matteo Vana

Laureato in Editoria e Giornalismo, ha iniziato a muovere i primi passi con calcio e motori, due passioni delle quali ha fatto un lavoro. Pubblicista dal 2014, ama lo sport, i viaggi e i fumetti