Il furgone che produce idrogeno: un passo verso il futuro [VIDEO]

Il furgone che produce idrogeno: un passo verso il futuro [VIDEO]

Ogni ricerca e sperimentazione in nuove tecnologie è sempre benvenuta. Ma i facili entusiasmi propagandistici sono stucchevoli. Da alcuni anni la fondazione H2U, chiamata anche Università dell’idrogeno, la cui sede è a Monopoli (Bari), lavora ad un progetto finanziato in parte da Regione Puglia e ministero dell’Ambiente. Si tratta di un furgone, chiamato H2M, attrezzato per produrre energia elettrica attraverso l’idrogeno, partendo dall’energia solare. Potete osservare questo veicolo nel video di questa pagina.

Continua a leggere

Continua a leggere

Due pareti laterali del furgone si sollevano per costituire una superficie di 80 metri quadri piena di pannelli solari . L’energia solare raccolta viene convogliata verso contenitori d’acqua e ne scinde le molecole (due di idrogeno e una di ossigeno). L’idrogeno così prodotto viene accumulato in un apposito serbatoio (celle di combustibile); ossidando l’idrogeno a bassa temperatura si produce energia elettrica.

L’impianto di questo veicolo produce 6 Kilowatt di picco. Troppo pochi per muovere un mezzo che pesa almeno tre tonnellate, il quale è alimentato opportunamente tramite un convenzionale motore diesel. Ma è importante proseguire nelle ricerche. Indubbiamente un giorno l’energia elettrica verrà prodotta su larga scala attraverso sistemi simili. Ciò che non quadra sono i proclami trionfalistici degli ambientalisti e dei politici che sfruttano questi temi come arma di propaganda. Come puntualizza in questo video lo stesso presidente della fondazione H2U, Nicola Conenna, già oggi esistono veicoli funzionanti a idrogeno. Il problema è l’assenza di un’infrastruttura per “fare il pieno”. Esattamente lo stesso problema delle automobili elettriche. Non si tratta di un problema risolvibile oggi e nemmeno domani. Con buona pace di verdi e marketing associato.

Parole di Roberto Speranza

Da non perdere