Incentivi auto elettriche, la Germania fa retromarcia

In Germania è al vaglio una proposta che prevede di eliminare le agevolazioni per le ibride e ridurre di un terzo quelle per le auto elettriche

Renault Captur E-Tech plug-in hybrid

Renault Captur E-Tech plug-in hybrid - Foto credits Renault media

Gli incentivi auto in Italia, seppur non sufficienti a svecchiare un parco auto sempre più vecchio, sono ormai una realtà. Anche negli altri paesi europei i governi hanno deciso di riservare dei fondi allo sviluppo delle auto elettriche ed ibride, ma nel caso della Germania, ad esempio, l’esecutivo è pronto alla retromarcia riformulando gli incentivi tagliando i fondi destinati all’acquisto di auto elettriche e ibride plug-in prima del previsto.

In Germania si pensa a rivedere gli incentivi

Al momento, infatti, è al vaglio la proposta de ministro dell’Economia tedesco, Robert Habeck, che vorrebbe eliminare completamente le agevolazioni fiscali per le auto PHEV già alla fine di quest’anno, e tagliare di un terzo quelle per le auto elettriche pure a partire dal 2023. 

In questo modo gli incentivi fino a 4.500 euro per le ibride plug-in verrebbero eliminati, mentre quelli per le elettriche scenderebbero dai 6.000 euro attuali a 4.000 euro nel 2023 e a 3.000 euro nel biennio 2024-2025. Un’idea che ha già fatto storcere il naso in Germania e che rischia di mettere a repentaglio la diffusione delle vetture “green”.

Parole di Matteo Vana

Laureato in Editoria e Giornalismo, ha iniziato a muovere i primi passi con calcio e motori, due passioni delle quali ha fatto un lavoro. Pubblicista dal 2014, ama lo sport, i viaggi e i fumetti