Incentivi auto, l'Europa apre all'ipotesi sconti sulla rottamazione

Il settore auto sta attraversando la sua più grave crisi degli ultimi decenni a causa di uno stop forte delle vendite. Per far ripartire il mercato l'Europa sta pensando di istituire incentivi sull'acquisto di auto elettriche e ibride, ma non solo

Incentivi auto per l'acquisto di auto elettriche e ibride, l'Europa è favorevole

Foto Shutterstock | di ddisq

In quella che si prospetta come la peggiore crisi da decenni, il settore auto risulta pesantemente colpito. I dati del mercato auto di marzo hanno evidenziato una perdita pari all’85,4% e aprile non sarà da meno se non peggio. Ma bisogna ripartire. Si deve ripartire. E la parola d’ordine potrebbe diventare quella degli incentivi auto da parte dell’Europa. O meglio. Incentivare la rottamazione dei veicoli più vecchi comprandone di nuovi. Anche non elettrici.

Continua a leggere

Continua a leggere

A marzo, secondo i dati forniti dall’Associazione dei costruttori europei Acea, il mercato auto nel Vecchio continente ha perso il 55% di volumi rispetto ad un anno prima, lasciando sul campo 697 mila immatricolazioni. E a fronte del crollo del mercato automobilistico provocato dall’emergenza coronavirus, le case automobilistiche hanno lanciato un appello a Bruxelles.

Dall’Europa parere favorevole sugli incentivi auto

All’appello il vice-presidente della Commissione europea Frans Timmermans ha raccolto la richiesta. Ma cosa ha detto di preciso il vice-presidente della Commissione europea, che è anche Commissario europeo per il clima, carica creata per la prima volta dalla nuova commissione guidata da Ursula von der Leyen. Come riporta Reuters, durante una videochiamata con i legislatori europei Timmermans ha sottolineato: “L’industria automobilistica ci chiede un aiuto per supportare le famiglie ad acquistare una nuova auto. Perché non farlo con sistemi di incentivi ecologici alla rottamazione, che permettano di sostituire una macchina vecchia ed inquinante con una più pulita, anche ad emissioni zero?”

Si aprono nuovi scenari?

In Italia circolano proposte sull’estensione degli incentivi, attualmente riservati a vetture con emissioni fino a 60 grammi di Co2 per chilometro, in pratiche tutte le auto elettriche e ibride plug-in. Se le parole di Timmermans avessero effettivamente un seguito, si potrebbero aprire scenari dove gli incentivi auto verrebbero allargati a veicoli a solo motore termico a basso impatto ambientale. Quelle dotate di motore termico omologato in base alle severe normative Euro 6d. Quindi fasce a favore di vetture di media cilindrata come quelle di segmento B con motori diesel, benzina o ibridi omologati Euro 6d, estremamente puliti ed efficienti. Ma su questo per ora rimane un grosso punto di domanda.

Continua a leggere

Continua a leggere

Dubbi sono già stati avanzati dagli ambientalisti i quali non hanno mancato di rispondere alle parole di Timmermans: “La Commissione europea deve fornire agli Stati membri orientamenti chiari e vincolanti secondo cui gli aiuti di Stato come i sistemi di rottamazione ecologica devono mirare alle vendite di veicoli a emissioni zero” .

Incentivi? In Germania non se ne parla

A dire no agli incentivi auto per rottamare vecchie auto in Germania è Gabriel Felbermayr consulente dei Ministeri dell’Economia e dell’Energia sostenendo che gli incentivi 2020 o 2021 che siano, non vanno fatti. Che costano e sono problematici. I tedeschi se vogliono i soldi per comprare l’auto privata li hanno ancora oggi, insieme al lavoro dato dalle aziende. O comunque li possono prendere a condizioni finanziare favorevoli rispetto al passato. Con tassi bassi e banche ovviamente tedesche che lavorano anche loro su questo servizio.  Come sempre stanno meglio dell’Italia questo sicuro.

Continua a leggere

Continua a leggere

Parole di Riccardo Mantica

Nell’editoria online dal 2001 quando scrivere per il web era una chimera. Pubblicista dal 2005, blogger per caso nel 2010, ha vissuto l’avvento del web 2.0 e dei social network condividendone gioie e dolori. Le passioni coltivate negli anni per sport, motori e tecnologia sfociano oggi anche nel panorama della mobilità sostenibile. Il motto preferito? Guardare sempre avanti senza dimenticare il passato. Stay tuned!

Da non perdere