Itinerari in montagna, le migliori strade in auto

Gli itinerari in montagna rappresentano una soluzione per gli automobilisti che vogliono godersi la guida e scoprire la natura: ecco i migliori d'Italia

paesaggio passo giau dall'alto

Passo Giau, Veneto Foto di Shutterstock | Gaspar Janos

Gli itinerari in montagna, per gli automobilisti, rappresentano uno dei percorsi più appassionanti: guidare su queste strade, infatti, permette da un lato di ammirare panorami mozzafiato e dall’altra di divertirsi alla guida con strade strette e curve sulle quali mettere in mostra le proprie abilità, ovviamente senza esagerare.

Ma quali sono i migliori itinerari in montagna? Ecco una rapida guida con alcuni dei migliori passi italiani, come raggiungerli e quando affrontarli per godere a pieno delle meraviglie della natura e, perché no, anche divertirsi con la propria automobile.

Itinerari in montagna, un giro tra i monti piemontesi

Uno dei comuni montani più famosi d’Italia è anche quello da cui partire per uno degli itinerari in montagna più interessanti. Sestriere, che con i suoi 2035 metri sopra al livello del mare è il comune più alto d’Italia, è intrecciata con quella dello sci, dove Alberto Tomba ottenne ben 5 successi, e anche con il mondo dell’auto visto che nacque per volontà del fondatore della Fiat Giovanni Agnelli, che voleva creare un luogo per lo sci che fosse accessibile a tutti.

Da qui, infatti, si può raggiungere in auto la Val di Susa, un luogo splendido e pieno di bellezze naturali, tra le quali spicca, passando il confine, senza dubbio il Lago Gignoux, anche noto come il Lago dei 7 colori, per le tonalità cangianti delle sue acque, che si trova a 2.393 metri e a 100 metri oltre il confine con la Francia. Un percorso tutto da scoprire lasciandosi guidare dalla strada.

Il passo dello Stelvio, il più alto d’Italia

Uno degli itinerari in montagna più suggestivi da fare in auto è senza dubbio quello che porta al Passo dello Stelvio, situato tra la Valtellina e la Valvenosta ad un’altezza di ben 2.758 m. Una strada sulla quale, per arrivarci, vige l’obbligo di pneumatici invernali o di catene da neve dal 15 novembre al 15 aprile e che viene chiusa dal mese di novembre a maggio ma che è in grado di regalare emozioni uniche.

Quello del Passo dello Stelvio è infatti il valico automobilistico più alto d’Italia – e il secondo in Europa – con circa 40 tornanti di salita da Bormio e una discesa lunga 26 km, per raggiungere Prato allo Stelvio. Uno scenario mozzafiato con paesaggi in grado di lasciare a bocca aperta tutti gli occupanti del veicolo.

Un giro tra le Dolomiti

Quando si parla di itinerari in montagna è impossibiel non pensare immediatamente alle Dolomiti. In questo caso i percorsi sono diversi; alcuni sono più adatti a chi preferisce strade più semplici e altri per chi privilegia percorsi più tortuosi. I posti da vedere sono moltissimi e percorrendo i numerosi passi si possono visitare località incantevoli per la loro bellezza e per la loro storia, molto spesso legata alla Prima guerra mondiale.

Per chi ha tempo e voglia di percorrere le numerose statali della zona, le Dolomiti nascondono molte valli indimenticabili: una delle più conosciute è la Val Pusteria, da cui si giunge alle Tre Cime di Lavaredo. Questa valle è particolarmente ampia e lascia spazio anche a diverse attività industriali, per lo più casearie; è l’ideale per chi vuole percorrere una strada piana, facile e quasi sempre diritta, caratterizzata da una lieve pendenza.

Il passo dello Spluga

Uno dei più famosi itinerari in montagna risponde al nome del Passo dello Spluga, tra la Valle Spluga e la Rheinwald (Svizzera). Una strada che tocca i 2.113 m snodandosi attraverso ben 72 tornanti; partendo da Chiavenna, questa strada è stata utilizzata fin dall’epoca romana, per collegare la Pianura Padana con la Valle del Reno.

Sul versante italiano, si passa per Montespluga, paesino che offriva rifugio a chi transitava per il Passo. Una strada storica, famosa anche perché rappresenta il punto più lontano in linea d’aria con il mare, distante ben 240 km.

La Val di Fassa in auto

Le Dolomiti, però, offrono diversi itinerari in montagna attraverso i quali ammirare le bellezze della zona. Uno dei più tradizionali vede protagonista la Val di Fassa, dove hanno sede alcune località che non hanno bisogno di presentazione, come Moena e Canazei.

Un percorso, quello che si snoda tra alcune delle più famose località di questa zona, che prevede una strada abbastanza tortuosa che attraversa quasi sempre il centro abitato, motivo per il quale si raccomanda massima prudenza e attenzione ai pedoni, e che è dedicato ad automobilisti più esperti, in grado di non correre rischi anche in questo tipo di situazioni.

Passo Lavazè

Per gli appassionati di itinerari in montagna un po’ meno conosciuti, invece, c’è quello che porta a Passo Lavazè, un posto spettacolare situato ai piedi del Latemar. Un percorso che fa del piacere di guida il fine ultimo, oltre ovviamente alla possibilità di ammirare paesaggi incantati, e che vede il passo raggiungibile da due diverse strade: una che parte dal capoluogo Bolzano, mentre l’altra scende nella Val di Fiemme, peraltro abbastanza vicina anche alla Val di Fassa. In entrambi i casi il piacere di guida è assicurato così come la possibilità di ammirare le bellezze del luogo godendo a pieno della natura incontaminata.

Parole di Matteo Vana

Laureato in Editoria e Giornalismo, ha iniziato a muovere i primi passi con calcio e motori, due passioni delle quali ha fatto un lavoro. Pubblicista dal 2014, ama lo sport, i viaggi e i fumetti