Lamborghini Huracán Evo Rwd, la supercar a trazione posteriore

Lamborghini Huracán Evo Rwd


Le auto a marchio Lamborghini rappresentano, per tutti gli amanti dei motori, delle supercar in grado di esaltare il piacere di guida grazie a prestazioni da sportive vere suscitando emozioni uniche nei quali hanno la fortuna di mettersi al volante. Proprio per i puristi dell’auto è nata la nuova Lamborghini Huracán Evo Rwd dove l’acronimo finale sta ad indicare Rear Wheel Drive, ossia la trazione posteriore, che sarà disponibile dalla primavera 2020 al prezzo di circa 195mila euro.

Prestazioni da sportiva per i puristi dell’auto


Nessun aiuto immediato, quindi, da parte dell’elettronica – sempre però vigile in caso di necessità -, ma un’esperienza interamente affidata al pilota che può così riscoprire il piacere della guida attraverso prestazioni in grado di impressionare chiunque. Sotto il cofano, infatti, pulsa il motore V10 5.2 aspirato che garantisce 610 Cv a 8.000 giri, abbinato a una trasmissione automatica a sette rapporti, che permette alla vettura di scattare da 0 a 100 km/h in soli 3,3 secondi e raggiungere una velocità massima di 325 km/h. A garantire la massima efficienza, poi, ci sono diverse modalità; in quella definita Strada lo slittamento delle ruote posteriori è ridotto al minino per garantire stabilità e sicurezza in tutte le condizioni mentre nella versione Sport le ruote possono slittare in accelerazione, senza che però sia compromessa la sicurezza. Con la modalità Corsa è possibile sfruttare tutta la potenza in pista lasciando al conducente la possibilità di spingere al massimo.

Una vettura, la nuova Lamborghini Huracán Evo Rwd, nella quale ogni cosa è studiata per garantire il massimo piacere di guida; la struttura è composta da un telaio in alluminio e fibra di carbonio e da una scocca in resina termoplastica e alluminio con il peso a secco della vettura che raggiunge i 1.389 kg. I freni di serie sono in acciaio forato su ruote da 19’’ mentre sono optional i freni carboceramici e i cerchi da 20’’. A gestire tutto, poi, c’è il Performance Traction Control System (P-TCS), un evoluto sistema di controllo della trazione appositamente calibrato per questa nuova versione al fine di rendere meno brusco il suo intervento durante la guida. Poche le modifiche estetiche rispetto alla versione a trazione integrale con il fascione anteriore che presenta prese d’aria maggiorate e un nuovo splitter con un estrattore in nero lucido al posteriore.

Parole di Matteo Vana

Laureato in Editoria e Giornalismo, ha iniziato a muovere i primi passi con calcio e motori, due passioni delle quali ha fatto un lavoro. Pubblicista dal 2014, ama lo sport, i viaggi e i fumetti