Mascherine Lamborghini contro il coronavirus, avviata la produzione dei dispositivi

La casa di Sant'Agata Bolognese scende in campo contro il coronavirus producendo mascherine e visiere protettive che saranno donate al Policlinico S. Orsola-Malpighi di Bologna

Mascherine Lamborghini

Foto sito media Lamborghini

Dalle supercar alle mascherine: Lamborghini, per aiutare l’Italia in un periodo complicato a causa dell’epidemia di Covid-19 che ha colpito il Pese, ha deciso di convertire la propria produzione fabbricando dispositivi medici che aiuteranno il personale degli ospedali impegnati nella lotta al virus.

Continua a leggere

Continua a leggere

Mascherine Lamborghini, la casa italiana in prima linea contro il coronavirus

La casa di Sant’Agata Bolognese, quindi, scende in campo per fornire un aiuto concreto nella lotta al coronavirus. Alcuni reparti dello stabilimento produttivo, infatti, sono stati riconvertiti per la produzione di mascherine chirurgiche e visiere protettive mediche in favore del Policlinico S. Orsola-Malpighi di Bologna, impegnato nella lotta alla pandemia di Covid-19. L’iniziativa di solidarietà è affidata a un gruppo di operatrici e operatori di selleria, il reparto dedicato alla realizzazione degli interni e delle personalizzazioni delle Lamborghini, il cui contributo permetterà di realizzare 1.000 mascherine al giorno. In contemporanea, poi, saranno realizzate visiere protettive mediche in policarbonato con l’uso di stampanti 3D – circa 200 al giorno – all’interno dello stabilimento di produzione compositi e presso il reparto di Ricerca e Sviluppo.

Un’attività che ha già ricevuto il consenso della Regione Emilia Romagna e avviene in collaborazione con l’Università di Bologna. “In un momento di emergenza come questo, ci sentiamo di dover dare un contributo concreto. Abbiamo così deciso di supportare l’Ospedale S. Orsola-Malpighi. È con l’unione e il sostegno di chi è tutti i giorni in prima linea nella lotta a questa pandemia, che vinceremo insieme questa battaglia” ha sottolineato Stefano Domenicali, Chairman e CEO di Automobili Lamborghini. Oltre a questo, Lamborghini ha deciso, in segno di unità e sostegno all’intera nazione che sta affrontando l’emergenza Coronavirus, di illuminare ogni sera gli edifici dello storico stabilimento di Sant’Agata Bolognese con il tricolore. Un modo per infondere coraggio all’intera popolazione facendo sentire la propria vicinanza in modo concreto.

Parole di Matteo Vana

Da non perdere