Mazda CX-60, il primo full hybrid plug-in per l'Europa vanta 327 CV

La prima ad arrivare sarà la versione 2.5 plug-in a settembre del 2022, mentre nel 2023 si aggiunge un 6 cilindri mild hybrid.

Mazda-CX-60-profilo

Fonte Mazda

Svelata l’attesa Mazda CX-60, la prima SUV di stazza medio grande destinata al mercato europeo e sorella maggiore di Mazda CX-5. Il modello di punta della Casa di Hiroshima è dotata del primo propulsore full hybrid plug-in del marchio.

Lunga 474 cm, larga 189, alta 168, con un passo di 287 cm, la nuova CX-60 ha una capacità di carico da 570 a 1.726 litri. Al livello di design esterno la firma è quella del Kodo design intrecciato con la robustezza dell’imponente architettura di un SUV con motore anteriore e trazione posteriore.

Mazda-CX-60-vista-anteriore
Fonte Mazda

Il frontale profondamente scolpito e silhouette con lungo muso e coda tronca regalano una forma possente e dinamica a questo SUV che vanta una calandra dall’aspetto più alto, ala caratteristica con funzione di illuminazione e design dei fari anteriori a sviluppo verticale.

In totale per Mazda CX-60 è possibile scegliere fra otto colori di carrozzeria. Jet Black, Deep Crystal Blue, Sonic Silver, Platinum Quartz, Arctic White, Rhodium White Premium Metallic, Machine Grey e Soul Red Crystal e può essere equipaggiata con ruote in lega da 18 o 20 pollici.

Interni ricchi di qualità e di cura nei dettagli

Mazda CX-60 interni
Fonte Mazda

All’interno l’ampia plancia di CX-60 è caratterizzata da linee continue che attraversano le bocchette d’aerazione laterali per arrivare nel rivestimento delle portiere, rafforzando la spaziosità degli interni.

Inoltre l’illuminazione dell’abitacolo con LED di colorazione bianca sul rivestimento delle portiere anteriori e posteriori esalta al meglio colore e trama delle finiture interne.

Mazda-CX-60-dettaglio-interni
Fonte Mazda

La CX-60 condivide lo stesso accurato design del cockpit che si trova su tutte le vetture Mazda, con una disposizione orizzontalmente simmetrica incentrata sul conducente.

Offre una posizione di guida ergonomicamente eccellente, naturale e di sostegno, che consente al conducente di concentrarsi sulla strada e sul traffico davanti.

Da sottolineare lo sviluppo di un cambio automatico a otto rapporti particolarmente sottile che riduce al minimo qualsiasi aumento della larghezza del tunnel per la trasmissione, consentendo il posizionamento ideale di pedaliera e sedili, e spazio per le ginocchia accanto alla console centrale, anche per quelli di corporatura più grande.

Mazda-CX-60-dettaglio-bracciolo-centrale
Fonte Mazda

Il quadro strumenti è totalmente digitale, con uno schermo Lcd accompagnato da un Head-up display che ha una area di proiezione maggiore di quanto visto su altri modelli, a partire da CX-30, mentre il pannello centrale destinato all’infotainment ha una diagonale di 12,3 pollici.

Un maggiore comfort e supporto fisico è offerto poi da un bracciolo centrale più lungo di 230 mm e più largo di 37 mm rispetto a quello della Mazda CX-5. E

Mazda-CX-60-dettaglio cambio
Fonte Mazda

Ancora una volta, Mazda proietta i comandi sulla manopola del controllo Hmi, spostata in avanti di 132 mm e rialzata di 82 mm per consentirne l’azionamento con il braccio dell’utente comodamente appoggiato sul bracciolo centrale.

Mazda CX-60, fino a 63 Km in elettrico con il PHEV Skyactiv-G 2.5

Mazda-CX-60-prezzi
Fonte Mazda

La Mazda CX-60 PHEV guida l’introduzione in Europa di modelli ibridi plug-in con un powertrain che combina un motore Skyactiv-G 2.5, quattro cilindri benzina a iniezione diretta, con un grande motore elettrico da 100 kW e una batteria ad alta capacità da 355V e 17,8 kWh.

Questa combinazione di motore termico e motore elettrico fornisce una potenza totale di sistema di 327 CV/241 kW e un’abbondante coppia di 500 Nm, facendone la autovettura da strada più potente che Mazda abbia mai prodotto.
La Mazda CX-60 PHEV offre prestazioni davvero impressionanti, accelerando da 0-100 km/h in soli 5,8 secondi e raggiungendo una velocità massima autolimitata di 200 km/h.

Viceversa, e in particolare quando viaggia con il solo motore elettrico, la nuova Mazda PHEV mostra eccezionali credenziali ambientali. Il consumo di carburante dichiarato dalla Casa è di soli 1,5 l/100 km, e le emissioni di CO2 combinate WLTP sono di soli 33 g/km.

La Mazda CX-60 e-Skyactiv PHEV offre una autonomia di 63 km in solo elettrico con la vettura che viaggia a una velocità massima di 100 km/h. Con la normale ricarica in CA (compatibile con alimentatori 220-240V) la batteria scarica può essere ricaricata completamente in quattro ore.

In arrivo nel 2023 due inediti 6 cilindri in linea

Mazda-CX-60-vista-posteriore
Fonte Mazda

Con la Mazda CX-60 faranno il loro esordio anche i due nuovi motori 6 cilindri in linea.

Un aspirato a benzina di 3.0 litri a combustione magra e un turbo a gasolio di 3.3 litri entrambi abbinati ad un sistema mild hybrid a 48 V.

Le due Mazda CX-60 MHEV adottano un sistema coordinato di frenata ad attrito rigenerativo, che controlla l’attrito dei freni e il sistema di rigenerazione dell’energia del motore elettrico per ottenere il recupero previsto di energia dalla forza frenante senza sprechi. 

Nuovo cambio a otto rapporti e quattro modalità di guida

Tutti e tre i propulsori sono abbinati a un nuovo cambio automatico a otto rapporti e al sistema di trazione integrale iActiv AWD di Mazda.

L’unità diesel e-Skyactiv D e il motore a benzina e-Skyactiv X possono anche essere forniti con la sola trazione posteriore. Il sistema Mazda Intelligent Drive Select (Mi-Drive) offre la possibilità di scelta fra quattro modalità di guida (più la modalità EV per la PHEV) per offrire controllo e piacere di guida ottimali in ogni scenario di marcia.

Inoltre il conducente dispone di 5 modalità di guida impostabili attraverso il sistema Mi-Drive (Mazda Intelligent Drive Select): Normal, Sport, Off-Road, Towing ed EV (quest’ulitma solo per la versione 2.5 PHEV) per adattare il carattere della vettura alle varie situazioni che si possono presentare.

Sistema ADAS al debutto su nuova Mazda CX-60

Sulla nuova Mazda CX-60 debutatno numerose nuove tecnologie. Il See-Through View, un monitoraggio con vista a 360° di nuova generazione che amplia il campo di visibilità alle basse velocità.

L’Hill Descent Control (HDC), che assiste nella discesa in sicurezza dai ripidi pendii dal fondo sdrucciolevole o sterrato.

E il Cruise Control (i-ACC), che ora integra i limiti di velocità attraverso il sistema di riconoscimento dei segnali stradali.

Infine l’e Vehicle Exit Warning (BSM), che in retromarcia avverte dell’approssimarsi di altri veicoli.

I prezzi di nuova CX-60

Mazda CX-60 e-Skyactiv Phev Prime-line è in listino da 49.950 euro, la versione Exclusive-line da 51.950 euro, gli allestimenti Homura e Takumi rispettivamente da 54.350 e 55.850 euro. 

Parole di Riccardo Mantica

Nell’editoria online dal 2001 quando scrivere per il web era una chimera. Pubblicista dal 2005, blogger per caso nel 2010, ha vissuto l’avvento del web 2.0 e dei social network condividendone gioie e dolori. Le passioni coltivate negli anni per sport, motori e tecnologia sfociano oggi anche nel panorama della mobilità sostenibile. Il motto preferito? Guardare sempre avanti senza dimenticare il passato. Stay tuned!