Mercato auto, nel 2019 è +1,2% in Europa. FCA perde il 7,3%, bene Volkswagen

Crescono le immatricolazioni in 20 Paesi europei - su 31 presi in esame - con Germania e Francia tra le migliori. Perde terreno, invece, FCA che chiude in passivo mentre Volkswagen è leader anche in Europa

da , il

    mercato auto 2019

    Il mercato auto, in Europa, chiude il 2019 con un balzo in avanti importante che permette di far registrare un +21,4% nei paesi dell’Unione europea e dell’Efta, portando così il risultato dell’intero anno a quota 15 milioni e 805.752 autovetture immatricolate, l’1,2% in più rispetto al 2018. A giustificare la performance del mese di dicembre c’è però un duplice fattore; da una parte infatti, c’è stata una giornata lavorativa in più e dall’altra c’era la pressione delle case automobilistiche per favorire la vendita di auto con basse emissioni di CO2 che avrebbero potuto incidere negativamente sulle vendite del 2020.

    Germania e Francia le migliori nazioni

    Il risultato raggiunto, seppur in lieve aumento rispetto al 2018, è comunque incoraggiante. Nell’area europea 20 mercati su 31 hanno chiuso con immatricolazioni in crescita rispetto all’anno precedente mentre il mese scorso l’unico paese a fare eccezione è stata la Norvegia che ha accusato un calo del 9,7%. Per l’Europa, dunque, si tratta di un risultato comunque vicino al dato del 2007, ultimo anno prima della crisi economica, con un gap dell’1,24%, pari a poco meno di 200mila unità. Si conferma, ancora una volta, la centralità dei cinque major market europei che da soli valgono il 70% dell’intero pacchetto: la Germania, in particolare, ha messo a segno una crescita delle immatricolazioni da gennaio del 5% – +19,5% nel mese di dicembre – con oltre tre milioni e mezzo di auto vendute, il miglior risultato degli ultimi venti anni dopo quello del 2009. Bene anche la Francia dove sono state immatricolate 2.214.279 autovetture nuove, in aumento dell’1,9% rispetto alle 2.173.481 del 2018. In chiaroscuro il Regno Unito che cresce nel mese, del 3,4%, ma chiude il terzo anno di calo di immatricolazioni, del 2,4%, come la Spagna che registra nel 2019 un -4,8% delle immatricolazioni. Chiude in attivo il 2019 anche l’Italia, seppur con una lievissima crescita, con un +0,3% che fa ben sperare il vista del 2020.

    Male FCA, Volkswagen leader

    Dal punto die vista dei gruppi, invece, non può sorridere FCA che ha venduto, nel 2019, 946.571 auto nell’area Ue più Efta, il 7,3% in meno del 2018. Prosegue inarrestabile, invece, Volkswagen, che ha chiuso l’anno con una quota di mercato in crescita, al 24,5%, confermandosi come il primo gruppo automobilistico in Europa con oltre 3,8 milioni di auto vendute. Cresce anche Renault, nel 2019, di quasi un punto percentuale – grazie a Dacia – mentre Hyundai fa ancora meglio segnando un +2,8%, e conquistando il quarto posto per volumi, davanti a BMW e al Gruppo Daimler, che archivia un mese positivo e anno con immatricolazioni in crescita del 4,8%grazie ai due brand della casa: Mercedes (+3,5%) e Smart (+15,8%). Dietro di loro, infine, c’è Ford, con 965mila immatricolazioni, in calo dell’1,5% sull’anno precedente