Mercedes Vision AVTR, una concept car ispirata ad Avatar

Mercedes Vision AVTR


Mercedes ha presentato al CES 2020 di Las Vegas la nuova e futuristica Mercedes Vision AVTR, un rivoluzionario concept recentemente creato in partnership con i produttori del film Avatar. Un’auto, la coupé del marchio tedesco, che mostra un’interazione completamente nuova tra uomo, macchina e natura dove la struttura distintiva del design all’interno e all’esterno si combina in un insieme emotivo ispirato da diverse creature del celebre film girato da James Cameron.

Continua a leggere

Continua a leggere

Mercedes Benz Vision AVTR, l’auto che respira

Mercedes definisce la Vision AVTR – acronino che sta ad indicare sia il film sia la sigla Advanced Vehicle Transformation – come un organismo vivente in grado di consentire ai propri occupanti di percepire il mondo intorno a loro. Ponendo il polso sulla plancia, la Vision AVTR legge i battiti del conducente e riconosce il proprietario attraverso un collegamento biometrico. Inoltre il conducente, alzando semplicemente il palmo della mano, attiva una selezione di menù che vengono proiettate sulla stessa e attraverso la quale può scegliere intuitivamente tra diverse funzionalità; ad esempio, la grafica 3D in tempo reale può essere utilizzata per esplorare il mondo immaginario di Pandora (il mondo di Avatar) da diverse prospettive mentre il modulo display curvo crea la connessione visiva tra i passeggeri e il mondo esterno. Uno degli elementi chiave di questa concept car futuristica e creata come esercizio di stile sono i 33 “lembi bionici” sul retro del veicolo – dotato anche di pannelli solari che consentono di recuperare energia in sosta – a ricordare le squame dei rettili, capaci di muoversi autonomamente e in grado di comunicare sia con il guidatore sia con il mondo esterno attraverso movimenti fluidi naturali.

Grazie alla possibilità di guidare gli assi anteriori e posteriori nella stessa direzione o nella direzione opposta, poi, la Mercedes Vision AVTR può spostarsi lateralmente di circa 30 gradi effettuando il cosiddetto “movimento del granchio”. La sostenibilità di questa vettura è definita anche dai materiali degli interni rifiniti con in pelle vegana Dynamic prima e unica microfibra che garantisce la sostenibilità ambientale durante l’intero ciclo produttivo con il pavimento dell’interno realizzato con un segno decorativo, chiamato Karuun, ricavato dal rattan, una sorta di legno proveniente da piante rampicanti che abbondano in Indonesia.

Caratteristiche e autonomia della Vision AVTR

Le particolarità, però, non si esauriscono con gli interni. La concept car Vision AVTR, infatti, utilizza una rivoluzionaria tecnologia delle batterie basata sulla chimica delle cellule organiche a base di grafene, una tecnologia che eliminerebbe l’utilizzo di terre rare nella produzione di accumulatori. I materiali della batteria sono compostabili (biodegradabile ma anche disintegrabile) e quindi completamente riciclabili con la capacità delle batterie che tocca i 110 kWh assicurando al concept della casa di Stoccarda un’autonomia di 700 km e sviluppando una potenza fino a 470 Cv grazie all’utilizzo di quattro diversi motori, uno per ogni asse. Un’attenzione all’ambiente, quella dimostrata dall’azienda tedesca che si riflette anche nei tempi di ricarica visto che bastano appena 15 minuti per ricaricarla al 100%. Totalmente assenti, infine, volante e pedali; il guidatore, infatti, avvia il motore poggiando la mano sulla consolle centrale, dove sono presenti sensori che lo riconoscono e mettono in funzione la guida autonoma.

Continua a leggere

Continua a leggere

Parole di Riccardo Mantica

Nell’editoria online dal 2001 quando scrivere per il web era una chimera. Pubblicista dal 2005, blogger per caso nel 2010, ha vissuto l’avvento del web 2.0 e dei social network condividendone gioie e dolori. Le passioni coltivate negli anni per sport, motori e tecnologia sfociano oggi anche nel panorama della mobilità sostenibile. Il motto preferito? Guardare sempre avanti senza dimenticare il passato. Stay tuned!

Da non perdere