Mick Schumacher, l’incredibile ammissione su papà Michael: ecco cosa ha rivelato

Mick Schumacher vuole tornare in F1, ma intanto ha raccontato alcuni momenti che lo hanno legato al padre Michael.

Sicuramente sapeva perfettamente i rischi che avrebbe corso Mick Schumacher a entrare nel mondo della F1 con quel cognome così ingombrante. Difficile anche solo pensare di avvicinarsi a ciò che aveva fatto il padre in passato, ma la voglia di mettersi in gioco non manca di certo al giovane tedesco.

Rivelazione di Mick Schumacher sul padre Michael
Mick e Michael Schumacher (Ansa – allaguida.it)

Dopo due anni in Haas ha dovuto abbandonare il mondo delle corse come pilota ufficiale e ha deciso così di accettare il ruolo di terza guida nella Mercedes. Sia Russell che Hamilton hanno più volte esaltato il lavoro da collaudatore del tedesco, tanto che Toto Wolff lo ha candidato come seconda guida in Williams al posto di Logan Sargeant.

A quanto pare in Gran Bretagna non vi è stata la risposta tanto attesa, ma siamo comunque di fronte a un pilota sicuramente di talento che ha dimostrato di sapersi imporre anche in F2. La storia di suo padre Michael è però inarrivabile, con il Kaiser che ha saputo distruggere il precedente record di cinque titoli conquistati da Juan Manuel Fangio.

Nessuno inoltre ha mai vinto ben cinque Mondiali consecutivamente, un record che porta così Michael a essere considerato giustamente da molti come il miglior pilota di sempre. Ai microfoni di TuttoMotoriWeb, il giovane tedesco della Mercedes è stato intervistato e ha rilasciato alcune dichiarazioni interessanti.

“Mio padre una leggenda della Ferrari”: Schumacher lo omaggia

Mick Schumacher ha dato il via a una lunga intervista nella quale per parlare del proprio futuro non ha di certo dimenticato il suo passato. Ha ringraziato la Ferrari per le opportunità che gli ha dato e sicuramente per lui è stato molto emozionante guidare nella Driver Academy la Ferrari F2004, una delle più straordinarie di sempre e che aiutò Michael Schumacher a vincere il settimo titolo mondiale.

Ferrari F2004 quando Mick guidò la monoposto di Michael
Ferrari F2004 (Ansa – allaguida.it)

“Ciò che ha fatto mio padre in Ferrari è un qualcosa di straordinario e che non verrà mai dimenticato. Non mi piacciono i confronti con Verstappen perché è impossibile paragonare i piloti di epoche divere. Sicuramente Max sta facendo un lavoro straordinario ed è il massimo attualmente in F1”. Mick Schumacher dunque ricorda con piacere i suoi anni a Maranello e non dimentica anche il grande lavoro attualmente svolto da Verstappen per rendere grande il mondo dei motori.

Un mondo che Schumacher non vuole più vedere da spettatore come terzo pilota. Infatti ha dichiarato che il suo obiettivo sarà quello di tornare nel 2025 in pista in F1 con una nuova scuderia, anche se al momento è difficile capire quale. Per il 2024 invece l’opzione più probabile è un passaggio nel WEC.

La Endurance ha beneficiato moltissimo dell’ingresso della Ferrari e Schumacher ha definito questa categoria molto stimolante. Ha chiuso invece ogni possibile passaggio in Formula E, dichiarando come non sia per nulla attratto dalle auto elettriche e ha “bisogno” di sentire il rombo dei motori e l’odore della benzina. Una bella intervista per un pilota di talento che tornerà a far emozionare i tifosi.

Impostazioni privacy