Multe auto, in questo caso non è obbligatorio farlo: nessuno lo sapeva

Nessuno lo sapeva ed in tantissimi sono già rimasti spiazzati quando se ne sono accorti: ecco cosa si può fare con le multe.

I diritti di chi subisce una multa sono spesso motivo di discussione su tanti blog e sul web. Infatti, non sempre gli automobilisti sono preparati sulle regole del codice della strada, anche per quelle più conosciute come per esempio il divieto di sosta. Proprio sulle ammende comminate per questo motivo specifico ci sono cose che moltissimi cittadini non sanno. Attenzione però, perché i vigili invece il Codice lo hanno studiato molto bene e potrebbero stupirci.

Multe, nessuno sapeva questa cosa
Multe, oggi tutti sconvolti (allaguida.it – Ansa foto)

Moltissimi automobilisti negli anni hanno chiesto in un caso specifico l’annullamento della sanzione essendo convinti di non essere nel torto, ma ecco cosa hanno scoperto a differenza di tanti che invece per altri motivi magari legati ad autovelox o altro, sono riusciti nel loro intento. Quello che stiamo per andare a scoprire è meglio tenerlo bene in mente per non incappare di nuovo, la prossima volta, nello stesso errore.

Shock multe auto, nessuno lo sapeva

Premesso che non è certo consigliato parcheggiare la propria vettura in divieto di sosta, vediamo cosa dice l’articolo 200 del Codice della strada, per un tema specifico. Alcuni agenti della polizia municipale si possono avvalere del proprio dispositivo per notificare una multa di cui poi il conducente saprà in seguito. In pratica, nessuna prova cartacea verrà applicata sul parabrezza. Tutto ciò si può fare? Ora arriviamo alla risposta.

avviso auto multa divieto di sosta
L’avviso sull’auto è destinato a scomparire (Allaguida)

A rispondere è qui, la sentenza 5447 del 9 marzo 2007 della sezione II della Cassazione. Nessun articolo del Codice della Strada di fatto annuncia un’obbligatorietà del preavviso di violazione della vettura. In pratica, la multa che troviamo sul parabrezza è solo un atto di cortesia fatto dai vigili nei confronti del conducente. In caso quindi di assenza di multa fisica sull’auto, chi ha sbagliato potrà pagare senza l’aggiunta delle spese di accertamento e notifica. In pratica, questa si rivela una buona notizia per il conducente.

Ma non è tutto. In realtà, quello della classica multa da trovare sul proprio veicolo è un sistema che man mano starebbe già andando verso l’estinzione, causa progresso. Ad esempio a Milano c’è già chi usa un’app chiamata Fascicolo del Cittadino che rappresenta il nuovo sistema digitale per la gestione delle sanzioni e che quindi ha già sostituito la multa cartacea. Attraverso l’applicazione, i cittadini ricevono le notifiche delle multe, anche quelle con divieto di sosta, ma non solo.

Infatti, sarà possibile tramite un semplice smartphone, anche arrivare alla gestione digitale di alcuni servizi che interessano la città meneghina in particolare. Tornando al divieto di sosta, l’app fa subito arrivare l’avviso di multa, consentendo anche già il pagamento da effettuare entro cinque giorni per poter avere uno sconto del 30%.

Impostazioni privacy