Novità auto gennaio, i debutti da non perdere

Gennaio, per il mondo dell’automotive, rappresenta uno dei mesi più propizi, quello in cui le case automobilistiche sfoggiano le proprie novità mettendo in mostra i modelli di punta.

Anche quest’anno, tra le auto più attese del 2023, alcuni modelli hanno deciso di mostrarsi proprio nel mese di gennaio: tra grandi novità e qualche sorpresa, ecco quindi i debutti da non perdere del mese di gennaio.

Ferrari Purosangue

Ferrari Purosangue
Ferrari Purosangue – Foto credits Ferrari media

Ad aprire l’anno alla grande ci pensa Ferrari che presenta la novità più rivoluzionaria della sua storia, Purosangue. Un SUV, il primo della lunga tradizione del Cavallino, che  dopo 48 mesi di sviluppo, è realtà, con 4 porte e 4 posti a ruote alte. Sotto il cofano, poi, niente spazio alle nuove tecnologie ibride o elettriche, ma un V12 aspirato, capace di erogare 725 CV, montato in posizione centrale-anteriore su architettura 4×4 a rapporto variabile che spinge l’auto fino a 310 km/h dichiarati, e con uno scatto “0-100” in soli 3,3 secondi.

Dal punto di vista stilistico, invece, Ferrari Purosangue ha proporzioni inedite per una Rossa con forme muscolose e sinuose mentre gli interni esprimono il massimo del lusso che la casa di Maranello può garantire con la zona anteriore composta da un cupolino, i display (da 16″ a sinistra e 10,2″ a destra) e due bocchette di aerazione laterale per guidatore e passeggero. Al centro si trovano invece i comandi secondari e un’interfaccia rotante a scomparsa. Non manca il cancelletto di metallo che richiama i cambi manuali del passato, ma sono previsti anche portaoggetti e portabicchieri, oltre alla compatibilità con Android Auto e Apple CarPlay, che sostituiscono totalmente il sistema di navigazione tradizionale.

Smart #1

Smart#1
Smart#1 – Foto credits Smart media

Cambia in maniera radicale la nuova Smart#1: niente a che vedere con la citycar che faceva furore qualche anno, adesso la vettura è un SUV a batterie dalle linee morbide e con un motore elettrico da 200 kW (268 CV), più potente rispetto ad altre auto elettriche di piccole dimensioni. La velocità massima del primo e nuovo SUV della smart arriva solo a 180 chilometri orari ma, se consideriamo il suo utilizzo prettamente cittadino, questo limite non rappresenta alcun problema per il pubblico amante del marchio.

A pieno carico, l’auto garantisce un’autonomia che varia dai 420 ai 440 chilometri, in base alle diverse specifiche dell’auto. La potenza di ricarica è garantita fino a 150 kW in corrente continua, che consente di ricaricare dal 10 all’80% della batteria in meno di 30 minuti, mentre in corrente alternata la potenza massima di ricarica è di 22 kW e permette di effettuare la stessa carica in 3 ore e mezza.

Renault Austral

Renault Austral
Renault Austral – Foto credits Renault media

Erede di Kadjar, Renault Austral è una delle novità del mese di gennaio. Alto 1,62 metri, largo 1,83 metri e lungo 4,51 metri, con un passo di 2,67 metri, il SUV della casa francese vanta le proporzioni di un tipico Sport Utility del segmento C; a caratterizzarlo il cofano scolpito, che conferisce un carattere incisivo con linee muscolose, e un abitacolo con display OpenR, uno dei più grandi del mercato automotive, capace di congiungere il driver display digitale del cruscotto e lo schermo multimediale della consolle centrale.

Sotto il cofano, poi, Renault Austral può contare su un’innovativa gamma di gruppi motopropulsori con un sistema E-TECH Hybrid di nuova generazione da 400V, in grado di erogare fino a 200 CV , ma anche con altri due motori benzina. Un Mild Hybrid Advanced 48V da 130 cv e un Mild Hybrid 12V da 140 e 160 cv.

In particolare la motorizzazione E-TECH Hybrid inaugurata su Renault Austral è alimentata da un nuovo motore turbo benzina 3 cilindri 1,2 litri da 96 kW, con 205 Nm di coppia. Questo è associato ad un motore elettrico più potente, dotato di maggior coppia (50 kW e 205 Nm), a una batteria agli ioni di litio di maggiore capacità (1,7 kWh / 400 V) e ad una trasmissione che passa da 6 a 7 rapporti (2 per la modalità elettrica e 5 per la modalità ibrida).  Proposta con due livelli di potenza, 160 cv e 200 cv, la motorizzazione E-Tech Hybrid di Nuovo Austral offre massima efficienza di utilizzo con una reattività da leader di mercato, permettendo di passare da 80 a 120km/h in soli 5,9 secondi.

BMW XM

BMW XM
BMW XM – Foto credits BMW press

Tra le novità da non perdere del mese di gennaio c’è senza dubbio BMW XM, il SUV della casa tedesca che può vantare un design esterno deciso che trasuda potenza mentre gli interni sono moderni e rappresentano due ambienti diversi tra loro: la zona anteriore dedicata alla guida e l’M Lounge posteriore con la plancia che adotta di serie il BMW Live Cockpit Professional con head-up display e doppio schermo curvo da 12,3 e 14,9 pollici.

La vettura a ruote alte firmata BMW è inoltre dotata di una trasmissione ibrida plug-in di nuova concezione. Il sistema M HYBRID della BMW XM è costituito da un nuovo motore V8 da 483 CV con tecnologia M TwinPower Turbo e un motore elettrico da 194 CV integrato nel cambio M Steptronic a otto rapporti. Insieme, generano una potenza massima del sistema di 644 CV a 5.400 giri/min e 590 piedi-libbre di coppia tra 1.600 e 5.000 giri/min. La batteria da 25,7 kWh, inoltre, permette di percorrere 82-88 km nel ciclo Wltp con velocità massima limitata a 140 km/h.