Citroen C3 2020, la best seller francese si rinnova e diventa ancora più confortevole

 Citroen C3 2020 Facelift

Habemus nuova Citroen C3 2020. Perché quando bisogna passare al contrattacco è giusto fare un upgrade di stile. E Citroen per la sua best seller lo aveva pensato già da tempo, spinto anche dalla rivalità con le cugine francesi Peugeot 208 e Renault Clio che in patria l’hanno sempre relegata sul podio più basso delle vendite, nonostante i risultati commerciali molto onorevoli. Del resto i 750.000 esemplari venduti in quattro anni ne sono la riprova. Ora, però, il restyling, un vero e proprio colpo di spazzola di metà carriera, era necessario.

Continua a leggere

Continua a leggere

La rinnovata Citroen C3 beneficia adesso di un frontale rivisitato ispirato al concetto CXperience, caratterizzato da una serie di nuovi fari a LED, ora di serie su tutta la gamma, con la cromatura che si estende alle luci diurne a LED. Tra le novità, poi, ecco una spruzzata di colore sui bordi dei fendinebbia e la riprogettazione stilistica dei famosi Airbump, “tatuaggio” indelebile per la city car francese.

Restyling all’insegna personalizzazione

La nuova Citroen C3 2020 introduce anche un più ampio potenziale di personalizzazione, aumentando le possibili combinazioni cromatiche da 36 a 97 includendo nuove sette tinte carrozzeria, comprese le nuove Spring Blue ed Elixir Red, e quattro Pack Color abbinate a diverse finiture per il tetto, disponibile in quattro colori e con tre decorazioni grafiche. A completare la gamma di personalizzazioni sono presenti anche i cerchi di lega da 16” o 17”.

Continua a leggere

Continua a leggere

Parlando di interni la casa francese si è presa cura di Citroen C3 “donando” nuovi sedili Advanced Comfort (già utilizzati su C4 Cactus e C5 Aircross) e due ambienti interni opzionali, il Techwood, con inserti effetto legno chiaro, ed Emeraude, con selleria di tessuto tecnico e plancia rivestita di Tep nero. I nuovi sedili offrono un miglior comfort grazie alla speciale schiuma sulla superficie e al rivestimento in tessuto ispessito. Inoltre c’è anche un nuovo bracciolo sul lato conducente.

E sotto il cofano?

Nessuna novità rilevante per questo facelift di nuova Citroen C3 per quanto riguarda il lato propulsori, con la casa del Double Chevron che si affida principalmente ai blocchi benzina a 3 cilindri di ultima generazione per ridurre i consumi. La gamma di motori comprende, infatti, il benzina a tre cilindri Puretech da 1.2 litri con 82 Cv o 108 Cv e un diesel quattro cilindri BlueHDi da 1.5 litri con 98 Cv. Rispettivamente abbinati a una trasmissione manuale a cinque o sei marce mentre a richiesta sul turbobenzina più potente è disponibile anche il cambio automatico Eat6.

Tecnologia a bordo

Nuova Citroen C3 2020 è ora disponibile con nuovi sensori di parcheggio anteriori che si vanno ad aggiungere a sistemi come la frenata automatica d’emergenza, l’avviso di superamento involontario della corsia di marcia, il blind spot, il riconoscimento dei limiti di velocità e il monitoraggio della stanchezza del guidatore.

Continua a leggere

Continua a leggere

Il sistema di infotainment funziona attraverso un display touchscreen da 7″ e dispone di riconoscimento vocale, Mirror Screen con Apple CarPlay e Android Auto che può essere azionato anche tramite comandi vocali e può segnalare al guidatore in tempo reale il traffico e le zone di pericolo grazi all’integrazione del sistema TomTom Traffic. Il Pack Assistenza & Sos comprende la chiamata automatica ai servizi d’emergenza in caso d’incidente e Connect Assist, che permette di controllare da remoto alcuni parametri dell’auto come la posizione, l’autonomia, il chilometraggio e la manutenzione. Immancabile, infine, la ConnectedCam, la videocamera integrata nel supporto dello specchietto retrovisore interno che permette di scattare foto e girare brevi video da condividere sui social. Per vedere nuova Citroen C3 2020 nelle concessionarie italiane,però, bisognerà aspettare fino al prossimo mese di giugno.

Parole di Riccardo Mantica

Nell’editoria online dal 2001 quando scrivere per il web era una chimera. Pubblicista dal 2005, blogger per caso nel 2010, ha vissuto l’avvento del web 2.0 e dei social network condividendone gioie e dolori. Le passioni coltivate negli anni per sport, motori e tecnologia sfociano oggi anche nel panorama della mobilità sostenibile. Il motto preferito? Guardare sempre avanti senza dimenticare il passato. Stay tuned!

Da non perdere