Papa Francesco riceve una Dacia Duster, versione speciale per il Pontefice

papa Francesco con la Dacia Duster

Papa Francesco ha una nuova Papamobile: si tratta della Dacia Duster che i rappresentanti del Gruppo Renault hanno consegnato al Pontefice. Un esemplare speciale quello consegnato al Santo Padre da Christophe Dridi, Md Groupe Renault in Romania e Ceo Automobile Dacia SA, e Xavier Mantinet, nel corso di una visita presso la residenza del Papa in Vaticano e che affiancherà quindi Bergoglio nelle prossime uscite pubbliche.

Continua a leggere

Continua a leggere

Dacia Duster è la nuova vettura di Papa Francesco

Una vettura, quella consegnata a Papa Francesco, decisamente particolare caratterizzata da una livrea completamente bianca con interni beige realizzati appositamente per lui in esclusiva. A rendere speciale il modello, lungo 4,34 metri e largo 1,80, ci ha pensato il Dipartimento Prototipi e il team Bisogni Speciali di Dacia in Romania, in collaborazione con il carrozziere Romturingia, che ha adattato l’auto facendo in modo che disponesse di 5 posti con un comodo divanetto posteriore e specifiche soluzioni ideate per renderla idonea all’uso che ne vorrà fare il Pontefice; tra le caratteristiche principali che spiccano all’occhio, infatti, ci sono un ampio tetto apribile sopra al quale c’è una sovrastruttura smontabile, elementi esterni ed interni di sostegno e un’altezza dal suolo inferiore di 30mm rispetto al normale per facilitare l’accesso a bordo mentre su entrambi i parafanghi anteriore spiccano le bandiere di Città del Vaticano.

La nuova Papamobile, quindi, dovrebbe essere usata dal Pontefice in alcune delle sue uscite pubbliche. Non è la prima volta che il Santo Padre lega il proprio nome a Dacia: nel 2016, infatti, utilizzò una Logan per la sua visita in Armenia mentre sempre a un’auto Renault, del quale il brand Dacia fa parte, è legato Bergoglio visto che a Buenos Aires era solito utilizzare una R4, la stessa che dopo essere stato completamente restaurata un parroco di Verona venne consegnata nel 2013 al Papa.

Parole di Matteo Vana

Da non perdere
Potrebbe interessarti