Patente moto, cambia di nuovo tutto: nuovi limiti di età e non solo, tutto svelato

Pronto un cambiamento per la patente di guida che potrebbe stravolgere davvero tutto. Una decisione che lascia perplessi

Allo studio una nuova misura per quanto riguarda il documento di guida delle due ruote. Potrebbe esserci un netto cambiamento per quanto concerne i neo patentati per le moto e i limiti di velocità delle stesse.

Cambia tutto per la patente moto
Novità importanti per la patente moto (Ansa) – Allaguida.it 

 

La guida dei ciclomotori in Italia ha vissuto dal punto di vista normativo una rapida evoluzione nel corso degli ultimi anni. Basti pensare che fino a 37 anni fa non era nemmeno necessario avere la patente per potersi mettere in sella ad una moto (nemmeno il casco era obbligatorio). Poi dal 1986 la storia è cambiata e per le due ruote c’è stato bisogno della famosa patente A. In realtà nel nostro Paese fino al 25 aprile 1988 questo switch non è avvenuto, quindi tutti coloro che entro tale data hanno conseguito il titolo di guida B possono portare moto di tutte le cilindrate.

Ora, invece, tutti devono sostenere un esame se vogliono portare un ciclomotore superiore ai 125 cc di cilindrata, con una potenza superiore a 11 kW o 15 cv. Con la patente B si possono comunque portare tutti gli scooter di piccolo taglio (non a marce) e circolare liberamente in città. Nelle ultime settimane, però, come riportato dai colleghi di DueRuote, è allo studio una proposta a livello europeo che potrebbe cambiare nuovamente le carte in tavola. Si perché la Commissione Europea per i trasporti e il turismo sta elaborando una proposta di modifica della direttiva patenti. 

Patente moto, la CE valuta un cambiamento

La deputata Karima Delli ha proposto di limitare la velocità massima consentita ai motoveicoli. Si pensa di imporre un limite di 90 km/h dei mezzi guidabili con patente A1 e di 100 km/h con A2 (ovvero fino a 35 kW di potenza). In generale con patente A mai sopra i 110 km/h.

Cambia tutto per i neo patentati A
La richiesta di modifica alla patente A è molto severa (Pixabay) – Allaguida.it

 

Nella bozza è presente anche un cambiamento nell’età minima per conseguire la patente per motoveicoli, con un abbassamento di tutte le categorie. Si va dai 16 anni per la AM, 18 per la A1, 20 per la A. In più non ci sarà la possibilità di conseguire la A completa al compimento dei 24 anni di età, con il passaggio da uno step all’altro che dovrà essere sempre graduale. 

Tutti gli emendamenti indicati sono presenti nella proposta PR-750248, che dovrà essere discussa e approvata dal legislatore europeo. Vedremo se a breve diventerà realtà.