Porsche: nuova collaborazione per produrre batterie ad altissime prestazioni

Nuova collaborazione nata tra Porsche e Customcell per la produzione di celle di batterie per auto elettriche ancora più performanti

porsche

Foto Pixabay | KahlOrr

La Porsche ha stretto una join venture con Customcell per produrre celle per batterie delle auto elettriche all’avanguardia.

Nuovo sodalizio tra Porsche e CustomCells

L’evoluzione delle batterie è molto importante per la crescita del settore delle auto elettriche e gli accumulatori rivestiranno un ruolo ancora più importante sulle vetture ad altissime prestazioni. Non era un mistero che la casa automobilistica intendesse lavorare nello sviluppo di nuove celle da utilizzare nelle sue vetture. Verso la fine del mese di aprile, infatti, era giunta la notizia che la casa automobilistica avrebbe costruito una nuova fabbrica dove produrre le nuove celle. Negli ultimi giorni sono emersi tutti i dettagli di questo nuovo sodalizio.

Nuove celle per batterie ancora più performanti

Porsche, forte di un fatturato record nel 2020, ha creato una joint venture con Customcells per sviluppare e realizzare celle per le batterie delle auto elettriche. Le nuove celle si caratterizzeranno per una maggiore densità energetica e per offrire tempi di ricarica ridotti. Porsche deterrà circa l’80% di questa nuova società che sarà, dunque, sotto il suo controllo. Il nuovo stabilimento si chiamerà Weissach Development Centre e sarà costruito nella città natale di Customcells, a Tubinga. Il progetto sarà finanziato anche dallo stato tedesco per una somma pari a 60 milioni di euro.
Le celle che saranno prodotte, secondo quanto affermato, utilizzeranno anodi in silicio e resisteranno di più alle alte temperature. La struttura dove verranno sviluppate le nuove celle, avrà una capacità annua di 100 MWh, sufficiente per soddisfare le necessità di circa 1.000 veicoli. Queste batterie non saranno, infatti, utilizzate su tutti i modelli di Porsche ma solo su quelli ad altissime prestazioni e sulle vetture destinate alle competizioni.

L’obiettivo è quello di lavorare inizialmente per migliorare la densità energetica e la resistenza alle alte temperature.
Se il lavoro dovesse dare risultati interessanti, la tecnologia sviluppata potrebbe essere resa disponibile ad altri marchi del Gruppo Volkswagen. Si può quindi ipotizzare che, in futuro, modelli ad alte prestazioni di costruttori come Bugatti e Lamborghini potrebbero utilizzare le celle che saranno costruite grazie a questa nuova joint venture.

Parole di Giulia Martensini