Revisione auto: cosa cambia, quando farla e quanto costa nel 2020

Il controllo periodico dei veicoli è stato oggetto di proroghe legate al Covid-19. Ecco fin quando e dove è possibile circolare senza incorrere in sanzioni

proroga revisione auto

Foto Shutterstock | di Standret

La pandemia da Covid-19 e il conseguente lockdown hanno modificato le regole per la revisione auto nel 2020. Alle direttive nazionali hanno fatto seguito quelle continentali, prorogando i termini per chi ha un’auto o moto con revisione scaduta. Vediamo dunque quando scade la revisione quest’anno, quali sono i costi aggiornati e la procedura da seguire.

Continua a leggere

Continua a leggere

Revisione auto: cos’è, durata e sanzioni

La revisione auto è il controllo periodico del veicolo finalizzato a verificare le condizioni di sicurezza, il livello delle emissioni inquinanti e la rumorosità. Per superarlo è necessario che questi parametri risultino conformi agli standard prescritti dalle normative nazionali e internazionali. Il controllo tecnico va effettuato a quattro anni dalla prima immatricolazione del veicolo e, successivamente, a cadenza biennale. Rispetto all’assicurazione, per la quale esiste un periodo di comporto di 15 giorni, non c’è di fatto tolleranza. Se si circola con la revisione auto scaduta, infatti, si violano le disposizioni dell’articolo 80 del Codice della Strada. La sanzione per chi circola con veicolo non revisionato (comma 14) va da 168 a 674 euro, raddoppiabile in caso di omissione per più di una volta. Circolare con revisione falsa, invece, costa da 419 a 1.682 euro, con conseguente ritiro della carta di circolazione.

Revisione auto 2020: cosa ha previsto il Decreto Cura Italia

La prima integrazione amministrativa sulla materia revisione auto 2020 è stata introdotta dal Decreto Legge 17 marzo 2020 n.18. Il Decreto Cura Italia ha stabilito la proroga di tre mesi per le revisioni auto e moto. In questo modo ai veicoli con revisione scaduta alla data del 17 marzo 2020, o in scadenza entro il 31 luglio 2020, è stata consentita la circolazione fino al 31 ottobre 2020 senza aver effettuato la visita di revisione.

A seguire la circolare MIT del 23 marzo 2020 ha chiarito che l’autorizzazione alla circolazione riguardava tutti i veicoli, senza ammettere eccezioni. La proroga è stata dichiarata operante anche se il veicolo in questione fosse stato già sottoposto a revisione e non l’avesse superata. In nessun caso, invece, è stato dato valore retroattivo alla proroga. Sono dunque oggetto della stessa i veicoli coinvolti nel rinvio della revisione che avessero prenotato una visita presso gli uffici della Motorizzazione entro il 31 luglio 2020.

Continua a leggere

Continua a leggere

Revisione auto 2020: il regolamento UE 698/2020

Le regole dettate dal Decreto Cura Italia sono state aggiornate tramite l’approvazione del regolamento dell’Unione Europea 698/2020. Dal 4 giugno scorso, infatti, sono valide in tutta l’UE le regole stabilite dalla suddetta direttiva. La proroga di tutti i documenti auto (revisione, patente, carta di qualificazione del conducente) è fissata in sette mesi su tutto il territorio dell’Unione Europea.

Chi riguarda e dove è valida la proroga di sette mesi

A beneficiare dell’applicazione della normativa che prevede la proroga di sette mesi della revisione auto sono i veicoli appartenenti alle categorie M, N, TS e 04. Si tratta dunque di:

  • Automobili
  • Veicoli commerciali
  • Trattori stradali o motrici
  • Rimorchi con massa compresa tra 3,5 e 10 tonnellate
  • Rimorchi con massa massima superiore a 10 tonnellate

Tutti i veicoli appartenenti alle suddette categorie possono circolare sull’intero territorio dell’Unione Europea durante questo periodo. Chi aveva la scadenza revisione precedente a febbraio 2020, può circolare in Italia fino al 31 ottobre 2020. I veicoli con revisione scaduta a febbraio (entro il 29 febbraio 2020) possono circolare liberamente in Italia fino al 31 ottobre 2020 e nell’Unione Europea fino al 30 settembre 2020. I veicoli con revisione in scadenza nel periodo che intercorre tra il 31 marzo e il 31 agosto 2020, infine, possono viaggiare in tutta l’Unione Europea per i 7 mesi successivi alla scadenza prevista dalle norme vigenti.

Continua a leggere

Continua a leggere

Revisione auto 2020: costo

Fare la revisione auto nel 2020 non significa in nessun caso sobbarcarsi costi diversi rispetto al passato. Ormai da diversi anni la spesa da sostenere è rimasta invariata. Effettuando il controllo periodico presso la Motorizzazione Civile bisogna versare 45 euro; se ci reca in un’Agenzia ACI si spendono 62,25 euro, mentre in un Centro di revisione o in un’officina autorizzata bisogna pagare 66,90 euro. In quest’ultimo caso, infatti, alla spesa per la revisione (45 euro) si aggiungono 10,20 euro di diritti da corrispondere alla Motorizzazione, 1,80 euro di bollettino postale e 9,90 euro di IVA.

Parole di Marco Ferri

Nasce come giornalista e vive di content marketing. Pubblicista dal 2010, già caporedattore allo sport per quotidiani regionali e direttore di testate online. Fatica sulle due ruote senza motore, si diverte come un bambino su quattro.

Da non perdere