L'auto elettrica la ricarica il robot, il progetto Volkswagen ha già un prototipo [VIDEO]

Un processo per l'approvvigionamento di corrente completamente autonomo e controllato tramite app o protocollo Car-to-X, sul mercato nel 2021?

ricarica auto elettrica

Il robot VW ricarica l'auto elettrica - foto CS

Volkswagen Group Components svela uno dei suoi progetti più visionari per ‘rifornire’ ricarica auto elettrica in modo completamente autonomo e anche in spazi di sosta ristretti (come ad esempio i parcheggi sotterranei). Colonnine robot completamente automatizzate dotate di “powerbank” semoventi, per ricaricare anche là dove mancano le infrastrutture.

Il robot per la ricarica, avviato tramite app o protocollo Car-to-X, lavora in completa autonomia. Si dirige in modo indipendente verso il veicolo da caricare e comunica con questo. Dall’apertura dello sportellino che dà accesso alla presa alla connessione della spina, fino al disaccoppiamento – l’intero processo di ricarica si svolge senza alcuna interazione umana.

Il prototipo del robot mobile di Volkswagen in azione

Per occuparsi di diversi veicoli contemporaneamente il robot mobile sposta un rimorchio, praticamente un accumulatore mobile, verso il mezzo, lo connette e lo utilizza per caricare la batteria. L’unità di stoccaggio dell’energia rimane con la vettura durante il processo di ricarica.

Nel frattempo il robot si occupa di altri veicoli elettrici. Una volta terminato il ‘rifornimento’, il robot raggiunge autonomamente l’accumulatore mobile e lo riporta alla stazione di ricarica centrale.

Secondo Thomas Schmall, CEO di Volkswagen Group Components: “Creare un’infrastruttura di ricarica efficiente per il futuro è un compito fondamentale che pone una sfida per l’intera industria. Stiamo sviluppando soluzioni per aiutare a evitare singoli interventi costosi. Il robot e la nostra stazione flessibile di ricarica rapida sono soltanto due esempi”. La Divisione al momento è al lavoro su una gamma di prodotti completa per la ricarica in corrente continua.

La stazione flessibile sarà lanciata sul mercato all’inizio del 2021. Da alcune settimane la wallbox in corrente continua è testata in diversi siti produttivi tedeschi del Gruppo.

Il robot mobile per la ricarica auto elettrica ha raggiunto con successo lo status di prototipo e sarà ora ulteriormente sviluppato in modo intensivo. Uno dei requisiti per la maturità di mercato è la comunicazione Car-to-X per agevolare il processo autonomo di ricarica.

Le colonnine robot si muovono in completa autonomia controllate da un app

Il robot si inserisce in un concept più ampio che si concentrerà sul successo della mobilità elettrica nel lungo termine e perciò sull’elettrificazione dei trasporti. “La realizzazione di un’infrastruttura di ricarica è un requisito fondamentale, ma deve essere guidata dalla domanda ed essere efficiente” continua Schmall. “Le nostre soluzioni non si concentrano solamente sulle necessità dei Clienti e sui requisiti tecnici dei veicoli elettrici. Tengono in considerazione anche le possibilità economiche che offrono a potenziali partner“.

Permetteranno inoltre ai gestori di aree di parcheggio, parcheggi multipiano e sotterranei di ‘elettrificare‘ in modo semplice e veloce ogni posto auto utilizzando il robot mobile per la ricarica auto elettrica. Ciò ridurrà i lavori di costruzione necessari e allo stesso tempo i costi potenziali.

Parole di Riccardo Mantica

Nell’editoria online dal 2001 quando scrivere per il web era una chimera. Pubblicista dal 2005, blogger per caso nel 2010, ha vissuto l’avvento del web 2.0 e dei social network condividendone gioie e dolori. Le passioni coltivate negli anni per sport, motori e tecnologia sfociano oggi anche nel panorama della mobilità sostenibile. Il motto preferito? Guardare sempre avanti senza dimenticare il passato. Stay tuned!