Ryan Gosling, la collezione di auto che non ti aspetti

Come molti Vip, anche Ryan Gosling ha un garage personale molto ricco: ma le sue sono scelte davvero particolari, scopri con noi perché

Il binomio tra i Vip e le Supercar funziona sempre, anche se non tutti hanno un garage fornitissimo, per volontà o per semplice disinteresse. Ryan Gosling appartiene alla schiera dei divi hollywoodiani che investono in auto di lusso e sportive, perché coltiva una passione che ha avuto fin da giovane portandola anche sul set.

Nativo di London, ma in Ontario e non la capitale inglese, ha cominciato la sua carriera da bambino partecipando al Mickey Mouse Club e poi in alcune serie tv tra cui Young Hercules. Il cinema è diventato un mestiere nel 2000, quando aveva 20 anni, con pellicole come Il sapore della vittoria, Formula per un delitto e The Believer.

Tutti ruoli che gli hanno permesso di farsi conoscere dal grande pubblico, fino al primo film importante della sua carriera, Le pagine della nostra vita. Un’interpretazione che gli è anche servita per ricevere la prima candidatura all’Oscar.

Poi il thriller Come nel 2012 e nel 2017 è il protagonista del sequel di Blade Runner, Blade Runner 2049. Ma soprattutto quell’anno, per la sua interpretazione nel film musicale La La Land vince il suo primo Golden Globe e riceve anche la sua seconda candidatura al premio Oscar come miglior attore protagonista. Da allora in poi tanti altri successi in ruoli drammatici ma anche brillanti, come l’ultimo. Ora infatti è Ken accanto a Margot Robbie che interpreta Barbie.

Accanto a questo c’è però anche la sua vita sentimentale che è importante per capire la sua passione dedicata alle auto e alcune scelte fatte nella vita. Per un paio di anni da giovane è stato legato sentimentalmente all’attrice Sandra Bullock, poi con l’altra collega Rachel McAdams.

Dal 2011 però fa coppia fissa con l’attrice e modella Eva Mendes, conosciuta sul set di Come un tuono. Da questa relazione, che dura ancora oggi, sono nate anche le due figlie Esmeralda Amada (nel 2014) e Amada Lee, nel 2016. I due si erano comunque sposati all’inizio di quell’anno con una cerimonia privata.

Ryan Gosling, la passione per le auto è nata anche sul set: retroscena incredibile

Fino al 2021 Ryan Gosling ed Eva Mendes, insieme alle figlie, hanno vissuto in una bellissima villa sulle colline attorno a Los Angeles. Ma dopo lo scoppio della pandemia hanno deciso di cambiare aria e trasferirsi a Toronto, ritrovando quel Canada che gli era rimasto nel cuore. Così ha trasferito tutto, compreso il suo ricco garage. Avevano pagato la villa 3,2 milioni di dollari, l’hanno venduta per 4,9 milioni di dollari e si sono spostati.

Ryan Gosling sul set di Drive: ha fatto tutto lui
Ryan Gosling sul set di Drive (Ansa Foto) – Allaguida.it

Con Ryan però viaggiano anche le sue auto, una passione che ha portato sul set. Tutto merito di un film diventato un culto tra gli appassionati, non solo di quelli del cinema ma anche delle auto. Parliamo di ‘Drive‘, diretto dal regista danese Nicolas Winding-Refn, che è costato poco più di 10 milioni di dollari ma ne ha incassati quassi 80 nel mondo.

Nella pellicola Ryan Gosling interpreta un eccezionale pilota d’auto che di giorno a Hollywood fa lo stuntman cinematografico e lavora come meccanico. Ma per arrotondare lo stipendio accetta di fare l’autista per una banda di rapinatori di banche. L’incontro con Irene (interpretata da Carey Mulligan) e con suo figlio Benicio cambierà la sua vita.

Per quel film l’attore canadese non ha voluto nessuna controfigura, girando da solo tutte le scene più adrenaliniche. Compresa querlla, passata alla storia, di un lungo inseguimento in auto: dopo aver rubato una favolosa Ford Mustang GT e una rapina finita male, il protagonista è inseguito da altri malavitosi a bordo di una Chrysler 300.

Non è Fast & Furious, ma anche meglio perché grazie al taglio delle riprese voluto dal regista a tutti gli spettatori sembrerà di essere in macchina con il protagonista. Tra sgommate, derapate e incidenti spettacolari, scene passate alla storia.

Le cronache raccontano che per immedesimarsi meglio nel personaggio, Ryan Gosling prima del film sistemò personalmente una Chevy Malibu del 1973. La stessa auto che il protagonista utilizza durante alcune scene nel film.

Sportive, eleganti, bellissime: nel garage dell’attore canadese ci sono quattro autentiche perle

A perenne ricordo di quella esperienza, successivamente Gosling ha acquistato una Ford Mustang del 2013, perché guidare quel modello lo aveva talmente esaltato da volerla anche nel suo garage. In realtà non è riuscito a trovarlo proprio uguale e quindi si è accontentato di uno simile.

Questa però è solo una delle perle nella collezione dell’attore canadese, che ha un patrimonio personale stimato in 70 milioni di dollari. Non è un fanatico come Cristiano Ronaldo oppure Zlatan Ibrahimovic, però colleziona auto di un certo prestigio. Come l’elegantissima decappottabile Bmw Z8, uno dei modelli più esclusivi nella lunga produzione della Casa bavarese.

La BMW Z8 di Ryan Gosling: ama le auto sportive
La BMW Z8 di Ryan Gosling (Ansa Foto) – Allaguida.it

In particolare la sua è stata acquistata nel 2006 per quassi 135mila dollari ed è anche molto simile a quella guidata da James Bond-007 nel film “The World is not Enough” del 1999. In realtà però quella era una finzione scenica, mentre la sua è molto reale.

Nata nel 2000, la BMW Z8 è diventata in fretta un oggetto di culto tra gli appassionati anche perché prodotta in sole 5.703 unità. Monta un motore V8 da 4.941 cc, abbinato ad un cambio manuale a sei marce che sviluppa ben 400 CV. Arriva a toccare 100 km/h in appena 4,7 secondi e raggiunge una velocità massima autolimitata di 250 km/h.

Non solo Ford e BMW però nel garage dell’attore. Spicca anche un modello dedicato a tutta la famiglia, più comodo, elegante e spazioso: è una Range Rover Vogue mossa dal motore 3 litri turbodiesel da quasi 250 cavalli di potenza.

Un modello che si abbassa da fermo per consentire una salita più comoda a tutti, con i sedili che si ripiegano elettronicamente e il bagagliaio automatizzato. E ancora, vetri oscurati per garantire la massima privacy, luci soffuse all’interno, sistema multimediale touch. Monta un motore mild hybrid che supporta la trazione integrale e un cambio automatico a 8 rapporti per una velocità massima di 210 km/h.

Infine un’altra sportiva da competizione, in tutti i sensi: è la Porsche 911 Carrera S Coupé, dal valore di circa 120mila dollari. Velocità massima di poco superiore ai 300 km/h e scatto da 0-100 in soli 3,7 secondi. Un modello immancabile per uno come lui che ama la velocità e il bello.

Impostazioni privacy