Salone dell'auto di New York annullato, si terrà nel 2021

Gli organizzatori, dopo un primo rinvio ad agosto, hanno deciso di cancellare la manifestazione dando appuntamento direttamente al 2021

Il Salone di New York

Getty images | di Andrew Kent

Prima la cancellazione del Salone di Ginevra, adesso l’annullamento del Salone di New York 2020: l’emergenza coronavirus, diffuso ormai in tutto il mondo, non risparmia il mondo dell’auto costretto ancora una volta a rimandare uno dei suoi appuntamenti più importanti per evitare il contagio e la diffusione dell’epidemia.

Continua a leggere

Continua a leggere

Annullato il Salone di New York a causa del coronvirus

Annullato il Salone di New York, quindi, che si sarebbe dovuto svolgere ad aprile. Gli organizzatori, a causa dell’emergenza legata alla diffusione del coronavirus anche negli Stati Uniti, con il governatore Andrew Cuomo costretto a mobilitare la guardia nazionale per isolare la zona di New Rochelle, a pochi chilometri dal distretto del Bronx, hanno deciso di annullare l’edizione 2020 rimandando l’appuntamento al 2021 quando, si spera, la vicenda legata al virus sarà ormai solo un brutto ricordo. La decisione è stata presa, come spiegato da Mark Schienberg, presidente della Greater New York Automobile Dealers Association, l’organizzatore del New York Auto Show, per “aiutare a proteggere i nostri partecipanti, espositori e tutti i partecipanti dal coronavirus. Non è stata facile, ma la nostra massima priorità rimane la salute ed il benessere di tutti i soggetti coinvolti nell’evento” .

Impossibile organizzare in tempo tutta la manifestazione con gli organizzatori che hanno annullato il Salone di New York. Inizialmente si era pensato a un aumento delle misure preventive, ma poi il peggioramento della situazione ha spinto l’organizzazione a rimandare la manifestazione a causa dei crescenti timori per la diffusione dell’epidemia di coronavirus. Una situazione delicata per il settore automobilistico chiamato, ancora una volta, a fare i conti con un nemico inaspettato.

Parole di Matteo Vana

Da non perdere