Scion FR-S Speedster, foto e caratteristiche della versione roadster

da , il

    La Scion FR-S Speedster è una versione speciale della nuova sportiva giapponese, realizzata dal preparatore Cartel Customs. Per chi non se ne fosse accorto questa stravagante versione roadster deriva dalla Toyota GT-86, la nuova coupè che la casa delle ellissi ha realizzato in collaborazione con la Subaru (infatti è la gemella della BRZ). Ma torniamo a questa Scion FR-S Speedster: l’auto è stata realizzata dal preparatore californiano in un solo esemplare, che è possibile ammirare al Formula Drift 2012, il celebre evento americano per gli amanti del drift che si tiene tutti gli anni nella città di Los Angeles. Anche se si capisce a prima vista che di base è una Toyota GT-86, le modifiche sono state numerose. Tanto per cominciare il frontale mostra un paraurti ridisegnato, dotato di nuove prese d’aria e contraddistinto dalla scomparsa dei fari fendinebbia, ma anche per i gruppi ottici che, pur mantenendo sempre la solita forma di sempre, sono ora completamente bruniti all’interno. Guarda anche:

    Proseguendo, l’estetica si fa più filante nella fiancata, grazie alla scomparsa delle maniglie (probabilmente ora c’è un sistema a pistoncino). Sono nuovi anche i cerchi in lega dal diametro di 18 pollici, con canale 8 davanti e 9.5 dietro, verniciati in colore nero lucido e con il bordo rosso. Il posteriore è caratterizzato dai gruppi ottici bruniti e dal grosso spoiler in fibra di carbonio. Ovviamente non possiamo non citare la caratteristica che la rende una roadster: il tetto è stato rimosso completamente e l’abitacolo è stato modificato per accogliere due soli passeggeri su sedili sportivi in pelle rossa. Il parabrezza ed i finestrini laterali sono più avvolgenti, mentre la verniciatura gioca sui colori bianco e rosso.

    All’interno la Scion FR-S Speedster è stata progettata per donare a chi guida l’impressione di essere su di un’auto da corsa: la plancia è spoglia, il volante è sportivo ed i sedili sono molto profilati. La console centrale è stata parzialmente realizzata in fibra di carbonio, mentre la plancia è rivestita in pelle rossa con cuciture bianche a contrasto. Caratteristici, poi, i rollbar laterali che si incontrano una volta aperti gli sportelli.

    A livello di meccanica l’auto monta sempre lo stesso motore da 2.0 litri quattro cilindri boxer, capace di sviluppare 200 cavalli e 205 Nm di coppia massima. La frizione è stata sostituita con una più resistente, mentre l’impianto di scarico è ora più sportivo per esaltare ancora di più il sound inconfondibile del motore boxer. Segnaliamo, infine, l’assetto ribassato ed i freni potenziati Wilwood.