Serie A, che batosta per il campione: ha infranto più volte la legge, le conseguenze sono inevitabili

Il campionato italiano di Serie A è pieno di grandissimi talenti. Uno di questi sarà poco felice per quanto accaduto.

Il mondo del calcio è pieno di categorie di grandissimo spessore. Per molti appassionati e addetti ai lavori, l’epicentro del calcio attuale è sicuramente quello europeo. Nonostante i tanti luoghi in cui viene praticato, infatti, i campionati europei sono i più blasonati e competitivi secondo tantissimi amanti del pallone.

hjulmand oltre 100 multe a lecce
Serie A, multe a raffica (allaguida.it – Canva)

Ci riferiamo in particolar modo alla Premier League, ma anche alla Liga, alla Ligue 1, alla Bundesliga e ovviamente alla Serie A. Quest’ultima ha dato vita a club meravigliosi come Inter, Juventus e Milan, e a giocatori iconici come Roberto Baggio o Francesco Totti.

Anche nel 2023 ci sono talenti importanti in Italia; pensiamo specialmente a Rafael Leao del Milan e a Lautaro Martinez dell’Inter. Ma ce ne sono davvero tanti. Uno di questi, con un importante passato italiano, non è conosciuto soltanto per le sue qualità calcistiche. E, in questo caso più che mai, non è un bene.

Serie A, batosta per il calciatore: di cosa si tratta

Morten Hjulmand, in passato al Lecce e attualmente in forze allo Sporting Lisbona, non è sicuramente conosciuto soltanto per le sue qualità mostrate su un quadrato di gioco. Quando militava nel club del Sud Italia, in cui ha giocato offrendo ottime prestazioni a cavallo fra il 2021 e il 2023, sono capitate situazioni non solo evitabili ma anche fortemente spiacevoli. E adesso sembra essere arrivato il momento di pagarne concretamente le conseguenze.

hjulmand oltre 100 multe a lecce
Hjulmand, raffica di multe a Lecce: i dettagli (allaguida.it – Ansa)

L’ex capitano della squadra, infatti, avrebbe collezionato tantissime multe nell’arco del poco tempo trascorso in Puglia. Sarebbe entrato con la propria auto per 103 volte nella zona a traffico limitato (ZTL) della città italiana; questo nonostante fosse privo della necessaria autorizzazione. Avrebbe, così facendo, collezionato tantissime sanzioni nell’arco di poco tempo – fra novembre e dicembre 2021 -. A riportarlo ci ha pensato il Quotidiano di Puglia.

Hjulmand, con l’ausilio di un avvocato, avrebbe già vinto più di venti ricorsi, ricorsi in cui contestava alcuni difetti di notificazione relativi a svariati verbali. Per quanto riguarda le restanti circa ottanta infrazioni, la questione è più aperta che mai. Per un motivo molto semplice: sarebbero scaduti i termini per far valere il diritto al ricorso. Insomma, la questione è tutt’altro che chiusa. E’ certamente un caso molto particolare e più unico che raro. Vedremo come si evolverà una situazione che vede protagonista un calciatore così famoso e importante.

Impostazioni privacy