Sony presenta Vision-S, il concept elettrico iper tecnologico

sony vision s

Sony sbarca nel mondo delle auto: la casa nipponica, infatti, ha presentato la concept car Vision-S al CES 2020 di Las Vegas per mostrare al mondo le ultime innovazioni sulla sicurezza dei veicoli e dell’infotainment da parte dell’azienda giapponese. Un’autentica sorpresa, quella messa in atto alla fiera dell’elettronica, anche se lo scopo principale di Sony non è quello di entrare nel settore automobilistico, ma di ribadire il ruolo di fornitore di base in fatto di nuove tecnologie per la mobilità del futuro.

La nuova Sony Vision-S è un vero e proprio concentrato di tecnologia; l’auto, infatti, dispone di 33 diversi sensori all’interno e all’esterno dell’auto, display widescreen multipli, audio a 360° e connettività sempre attiva, con alcuni pezzi provenienti da attori del settore come BlackBerry e Bosch. Oltre a questo, però, è anche alimentata da una “piattaforma EV di nuova concezione” che sarà in grado di alimentare altri tipi di veicoli, come i SUV.

Le caratteristiche della nuova Sony Vision-S

La concept car Sony Vision-S è basata su una piattaforma completamente elettrica che, grazie a due motori elettrici che alimentano ciascun asse, permette al veicolo di scattare da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi toccando la velocità massima di 240 km/h. Numeri importanti per un’auto elettrica spinta da due motori – uno per asse – da 200 kW che però fa della tecnologia il suo punto di forza. Sony Vision-S, infatti, incorpora le tecnologie sensoriali dell’azienda avvalendosi di un software di bordo controllato attraverso l’utilizzo dell’Intelligenza Artificiale e di tecnologie di telecomunicazione e cloud, così da garantirne aggiornamento costante ed evoluzione delle caratteristiche. L’auto elettrica firmata Sony, inoltre, incorpora anche il 360 Reality Audio per offrire un’esperienza di suono coinvolgente, con altoparlanti integrati in ciascuno dei sedili dell’auto mentre uno schermo panoramico si affaccia sul sedile anteriore per visualizzare una vasta gamma di contenuti accessibili tramite un’interfaccia utente intuitiva.

Non è stato trascurato, poi, il lato sicurezza con i sensori di immagine CMOS che offrono la possibilità di riconoscimento di oggetti con alti livelli di sensibilità mentre il Solid State Lidar misura le distanze e mappa un’immagine dell’area intorno all’auto in tempo reale. Un sistema che, come reso noto dalla casa, offre un “riconoscimento precoce e accurato degli oggetti” anche in condizioni di scarsa visibilità come nebbia o guida notturna. I sistemi di sensori della quale è dotata la Sony Vision-S si estendono anche all’interno dell’auto dove la tecnologia Time-of-Flight (ToF) è in grado di identificare persone e oggetti nel veicolo consentendo il controllo gestuale dei suoi sistemi e ottimizzando l’esperienza di infotainment. Un debutto in grande stile per l’azienda giapponese nel settore auto che però è destinato a rimanere tale: difficile, infatti, che la vettura arrivi a conquistare il mercato mentre appare più probabile che alcune delle tecnologie presenti a bordo possano presto trovare spazio su i veicoli del futuro.

Parole di Riccardo Mantica

Nell’editoria online dal 2001 quando scrivere per il web era una chimera. Pubblicista dal 2005, blogger per caso nel 2010, ha vissuto l’avvento del web 2.0 e dei social network condividendone gioie e dolori. Le passioni coltivate negli anni per sport, motori e tecnologia sfociano oggi anche nel panorama della mobilità sostenibile. Il motto preferito? Guardare sempre avanti senza dimenticare il passato. Stay tuned!