Stop ai motori diesel e benzina, l'Europa al voto

L'UE metterà al voto gli standard rinnovati in materia di emissioni CO2 e la possibilità di vietare la vendita di automobili nuove con motorizzazioni diesel e benzina a partire dal 2035.

Auto in fila nel traffico

Foto Shutterstock | di Daniel Avram

L’Europa è chiamata a decidere il futuro dell’automobile. mercoledì 8 giugno, infatti, il Parlamento dell’Unione Europea metterà al voto, in sessione plenaria, gli standard rinnovati in materia di emissioni CO2 per quanto riguarda i mezzi di trasporto e la possibilità di vietare la vendita di automobili nuove con motorizzazioni diesel e benzina a partire dal 2035.

Sarà un voto molto importante perché determinerà in modo ancor più netto le strategie delle case automobilistiche nel medio e lungo periodo decretando il volto che avrà il settore automobile negli anni a venire.

Si decide il futuro dell’auto

Tra gli emendamenti proposti ce ne sono diversi a firma dell’Italia – appoggiata anche da altri paesi europei – che potrebbero tendere la mano ad alcune aziende clou del Made in Italy. Il testo di essi proporrà di introdurre un’eccezione per i produttori di auto «responsabili di meno di mille veicoli nuovi immatricolati in un anno solare» e di allungare dal 2030 al 2036 la deroga sulle emissioni per i produttori di un numero di auto compreso tra mille e 10 mila l’anno.

Difficile, però, che la strada tracciata venga abbandonata: il futuro dell’auto, infatti, è ormai indirizzato verso la transizione ecologica, indipendentemente dall’approvazione di eventuali emendamenti o meno; quello che rimane da decidere è il quando l’Europa dirà addio ai motori “tradizionali” per abbracciare in toto la nuova era delle quattro ruote.

Parole di Matteo Vana

Laureato in Editoria e Giornalismo, ha iniziato a muovere i primi passi con calcio e motori, due passioni delle quali ha fatto un lavoro. Pubblicista dal 2014, ama lo sport, i viaggi e i fumetti