Al via i test per la patente digitale, presto sui nostri smartphone

A dicembre la sperimentazione della patente digitale partirà in Florida, ma presto la tecnologia sviluppata dall’azienda Thales potrebbe uscire dai confini dello Stato

smartphone abitacolo veicolo auto

Pixabay | Pexels

Con il nostro smartphone ormai possiamo fare (quasi) tutto. Ci ha sollevato del peso del portafoglio, dato che può essere usato per pagare i nostri acquisti nei negozi e perdere l’aereo perché abbiamo dimenticato la carta d’imbarco a casa è un ricordo lontano. Addirittura, possiamo usarlo per accendere il forno e l’aria condizionata, e a breve potrebbe anche sostituire i nostri documenti d’identità grazie all’introduzione della patente digitale.

La patente digitale sarà registrata su una app

A partire da dicembre, infatti, la Florida avvierà una sperimentazione, in collaborazione con l’azienda di sicurezza Thales, per trasformare il nostro documento di guida in versione virtuale. La patente di guida digitale farà uso di una applicazione per smartphone dedicata e l’unico nodo che Thales deve ancora affrontare è quello della tutela della privacy e la protezione dei dati personali.

L’esperimento pilota in Louisiana

Quello della Florida non è, in realtà, il primo tentativo di sviluppare la patente digitale, ma è il primo a farlo su una così ampia scala, coinvolgendo tutto lo Stato. In Louisiana, infatti, questo tipo di esperimento è già stato fatto, ma ha visto il coinvolgimento solo di pochi cittadini.

La patente digitale sarà un documento di riconoscimento

L’American Association of Motor Vehicle Administrators (AAMVA), il corrispettivo statunitense della nostra ACI, per intenderci, ha già approvato il progetto che permetterà quindi ai cittadini di lasciare a casa la versione “cartacea” per avvalersi della sola versione virtuale. Inolte, così facendo la patente potrà essere usata come documento di riconoscimento, permettendo però agli utenti di mostrare solo alcune informazioni personali (foto, nome e data di nascita), celandone altre, come l’indirizzo di residenza.

Nel 2021 tutti potranno richiederla

Dato che l’International Organization for Standardization (ISO) ha già approvato il progetto, l’obiettivo di questa prima sperimentazione è quello di trasformare la patente fisica in digitale per tutti i cittadini statunitensi entro il 2021, rendendo valido il documento anche al di fuori degli Stati Uniti.

Parole di Elena Pavin

Mi chiamo Elena Pavin, classe 1994, ho conseguito il diploma artistico solo prima di scoprire di non voler fare l’architetto né la designer. Così ho cambiato radicalmente i miei piani: all’Università di Milano-Bicocca ho studiato giapponese e mi sono laureata in Comunicazione interculturale, ho terminato i miei studi diplomandomi alla Scuola di Giornalismo. Amante dell’arte, incuriosita dalle tendenze, fanatica dell’enogastronomia (tanto da decidere di diventare sommelier). Nel 2020 ho iniziato a collaborare con Alanews e Deva Connection