Veicoli elettrici: favorevole il 65% degli automobilisti europei

Gli automobilisti europei sono attenti ai cambiamenti climatici, ma emergono perplessità sulla mancanza di infrastrutture per la ricarica e l'autonomia di questi veicoli

veicoli elettrici auto elettrica

Foto Unsplash | Vlad Tchompalov

Il 65% degli automobilisti europei è favorevole all’elettrico. È quanto emerso dal documento annuale di Mobility Insights Report, realizzato da LeasePlan in collaborazione con Ipsos. In particolare, questo dato è emerso nell’edizione “Veicoli elettrici e sostenibilità”.

Il documento di Lease Plan mostra un sopporto record da parte degli automobilisti nei confronti dei veicoli elettrici. Inoltre, mette in risalto come, rispetto al passato, sempre più persone stiano pensando di passare alle auto elettriche.

Il 61% degli intervistati pensa di passare ai veicoli elettrici

Secondo quanto emerso dall’indagine, condotta su più di 5mila conducenti in 22 Paesi, il 61% degli intervistati che intendo cambiare auto, nei prossimi 5 anni, starebbe pensando di prendere in considerazione un modello elettrico. Il 44%, inoltre, ha affermato che la propria opinione nei confronti della guida a zero emissioni è migliorata nel corso degli ultimi 3 anni.

Forte interesse da parte degli intervistati anche per quanto riguarda i problemi legati ai cambiamenti climatici. Il 46% ha infatti affermato che i veicoli elettrici, oltre a contribuire a combattere questo problema, hanno anche un costo operativo complessivamente inferiore.

Ancora una volta constatiamo che i conducenti sono pronti e desiderosi di svolgere il proprio ruolo nel combattere il cambiamento climatico” ha detto Tex Gunning, CEO di LeasePlan.

Le criticità emerse dall’indagine

Nonostante i dati positivi, però, emergono anche alcune criticità. Il 51% dei soggetti intervistati che intendono acquistare un modello elettrico, hanno dichiarato che tra i problemi che potrebbero compromettere l’acquisto c’è l’insufficienza di infrastrutture di ricarica. Inoltre, il 34% ha segnalato tra le criticità l’”ansia” per l’autonomia di questi veicoli.

La mancanza di infrastrutture di ricarica per i veicoli elettrici costituisce un ostacoloha detto Gunning. “È necessario agire con urgenza: i leader e i decisori politici di ciascuno dei 22 Paesi oggetto del sondaggio devono intervenire. Questo per rispondere alla domanda proveniente dall’opinione pubblica, investendo in un’infrastruttura di ricarica universale, economica e sostenibile”.

E ha continuato: “LeasePlan e i propri partner hanno già fatto la loro parte. Lo scorso anno sono stati definiti 5 consigli di facile implementazione che forniscono un modello sulla cui traccia è possibile intervenire per risolvere lo stato imbarazzante in cui si trova l’infrastruttura di ricarica in Europa”.

Come emerge dalla parole del CEO di LeasePlan, quindi, le linee guida per migliorare le infrastrutture di ricarica per i veicoli elettrici ci sono. A questo punto “ciò che manca è la sua messa in opera”.

Parole di Benedetta Minoliti

Benedetta Minoliti, nata a Milano il 24 marzo 1993. Sono laureata in Lettere moderne all’Università degli Studi di Milano e diplomata presso la Scuola di Giornalismo dell’Università Cattolica di Milano. Non esco mai di casa senza le cuffie, ascolterei la musica anche mentre dormo e adoro scattare polaroid. Collaboro con AlaNews nella produzione di contenuti per il network Deva Connection.