Renault Scenic Conquest

1 di 17

Renault Scenic Conquest

Dopo l'esperimento della Renault Scenic RX4 (versione fuoristradistica della monovolume compatta francese), nel 2007 dalla Francia ripropongono la stessa filosofia di vettura. È così che nasce la Renault Scenic Conquest, basata questa volta sulla seconda generazione della monovolume della Losanga. Esteticamente la potevamo distinguere dalle normali Scenic restyling per un nuovo body kit che prevedeva paraurti risidegnati con ampie protezioni in plastica, barre sul tetto in metallo satinato, cerchi in lega dal design specifico, fasce paracolpi maggiorate nelle fiancate ed assetto rialzato di 20 mm. In questo caso la Renault non aveva previsto modifiche meccaniche, forse anche per contenere i costi di progettazione: il pianale è lo stesso delle versioni tradizionali, quindi la trazione è anteriore e non più integrale come sulla vecchia RX4. Quattro le motorizzazioni, due benzina e due diesel. Le prima erano un 1.6 litri 16V aspirato da 110 cavalli ed il più generoso 2.0 litri 16V da 135 CV, mentre i propulsori a gasolio erano il 1.5 dCi da 105 cavalli ed 1.9 dCi da 130 cavalli.

1 di 17

Renault Scenic Conquest, foto

© 2005-2020 Deva Connection s.r.l - Tutti i diritti riservati.

Allaguida, supplemento alla testata giornalistica NanoPress.it registrata presso il Tribunale di Roma n° 2 del 16 gennaio 2020.