Audi A4 Avant

Spazio, raffinatezza, tecnologia e piacere di guida

29
Nuova Audi A4 Avant 2018
  • N.D.
  • 34.700 - 67.750 €
  • 4 - 7,5 L/100KM
  • 5
  • Da 505 a 1510 L
La nuova generazione di Audi A4 Avant è sviluppata sull’inedito pianale modulare MLB Evo, che consente alla media tedesca di perdere 120 chili di peso rispetto alla vecchia generazione e completamente rivista nei contenuti, specialmente quelli tecnici e stilistici. I più attenti, guardando i gruppi ottici della media di Ingolstadt, ritroveranno qualcosa di già visto. Le linee sono, come recente tradizione Audi molto spigolose, fatta eccezione per una protuberanza nella parte inferiore, al di sotto della lampada parabolica. Frontale a parte, lo stile evolve verso un look marcatamente sportivo e non poteva essere diversamente visti i passi in avanti compiuti da Bmw Serie 3 prima e Mercedes Classe C poi, sue dirette concorrenti da sempre. L’anteriore replica alcune note della Audi TT, in particolare sulla calandra, apparentemente allargata e resa maggiormente a diamante nella forma del single frame, che resta marchio di fabbrica, come recentemente dichiarato da Marc Lichte, capo del design Audi, pur evolvendosi e adeguandosi alle diverse carrozzerie. Altro dettaglio interessante è relativo al cofano motore, apparentemente più basso e in grado di slanciare l’intero anteriore. La fiancata presenta gli specchietti collocati sulla portiera e non più sul montante A, mentre il passo è più ampio del modello attuale. Al posteriore si ritrova un volume reso più vivo e netto dagli spigoli dei gruppi ottici, vagamente triangolari nell’interpretazione, così come un volume del bagagliaio dal taglio netto. Questa è la quinta generazione per l’Audi A4 Avant e le dimensioni, rispetto alla precedente versione, sono più generose. Parliamo di una lunghezza di 4,73 metri, una larghezza di un metro e 84 centimetri per un’altezza di un metro e 43 centimetri con un passo di 2,82 metri che ne fa quindi conseguire un’ottima abitabilità ed un’altrettanta generosa capacità di carico. La variante familiare vanta per la prima volta del portellone posteriore ad apertura automatica di serie, attivabile con il movimento del piede (optional); la sua minima capacità di carico è di 505 litri ma abbattendo gli schienali si vanno ad ottenere 1.510 litri. Gli interni replicano la possibilità di avere una strumentazione interamente digitale, già sfoggiata da Audi TT e Volkswagen Passat, quest’ultima utile per suggerirci le motorizzazioni disponibili sotto il cofano. Sono in tutto cinque i motori in listino. Si tratta nello specifico di tre benzina TFSI e due diesel TDI. I benzina partono dal 1.4 da 150 cavalli di potenza forti di una velocità massima di 210 chilometri orari con un’accelerazione 0-100 “coperta” in 8,9 secondi con consumi medi attorno ai 19,2 chilometri con un litro, con cambio manuale o S tronic a 7 velocità. Lo step successivo è dato dal 2.0 TFSI nelle potenze di 190 e 252 cavalli; la più potente delle due passa da 0 a 100 in 6,3 secondi (5,8 secondi con l’S tronic) e tocca i 250 chilometri all’ora con consumi medi di 17,5 chilometri con un litro (16,9 km/l con il cambio automatico); la variante da 190 cavalli invece propone una velocità massima di 240 chilometri all’ora, scatto da 0 a 100 in 7,2 secondi (7,3 con l’S tronic) e consumo medio di 17,9 chilometri con un litro (19,6 con l’S tronic). Concludono l’offerta i nuovi 3.0 TFSI da 354 cavalli che equipaggiano le versioni sportive S4 ed S4 Avant dotati di cambio automatico ad otto rapporti tiptronic. Assicurano uno scatto da 0 a 100 in 4,7 secondi per la berlina e 4,9 per la wagon con velocità massime autolimitate a 250 chilometri orari. I consumi sono attestati rispettivamente a 13,7 chilometri con un litro per la berlina e 13,3 chilometri con un litro per la familiare. Passiamo nel versante diesel. Il 2 litri TDI è proposto nelle potenze di 150 e 190 cavalli; quello da 150 cavalli viene equipaggiato anche del cambio S tronic, oltre a quello manuale, e le sue prestazioni parlano di uno scatto da 0 a 100 in 8,9 secondi (8,7 secondi con l’S tronic) e 221 chilometri orari di velocità massima (219 con l’S tronic), con un consumo medio di 26,3 chilometri con un litro (25 con l’S tronic). Lo step da 190 cavalli del 2.0, invece, tocca i 240 chilometri orari di velocità massima con uno scatto da 0 a 100 “bruciato” in 7,7 secondi e consumi medi di 23,3 chilometri con un litro nel misto. Questo 2.0 TDI è proposto, come ormai da tradizione Audi, anche nella versione “ultra” e vede l’abbattimento dei consumi a 25,6 chilometri con un litro e quelli della station wagon a 24,4 chilometri con un litro. Arrivando ai più prestazionali incontriamo in listino il 3.0 diesel TDI in tecnologia clean diesel proposto negli step da 218 e 272 cavalli; quest’ultima variante arriva ad una velocità massima di 250 chilometri orari autolimitati con consumi medi di 20,4 chilometri con un litro e scatta da 0 a 100 km/h in 5,3 secondi. Oltre al cambio automatico S tronic, Audi equipaggia le versioni top di gamma della Nuova A4 Avant 2018 del cambio automatico tiptronic ad 8 marce. Un’altra delle novità sotto il comparto motorizzazioni è l’unità a Metano in tecnologia g-tron proposta per l’Audi A3 e A3 Sportback. Questo propulsore nello specifico si tratta del 2.0 TFSI da 170 cavalli di potenza e le bombole del gas sono state concepite in materiali compositi da 19 chilogrammi totali e trovano posto sotto il bagagliaio, con conseguente riduzione della capacità di carico. Il consumo medio dichiarato dalla Casa madre sta al di sotto dei 4 chili per 100 chilometri e l’autonomia a metano dovrebbe superare i 500 chilometri che diventano 450 se si aggiunge anche il pieno del serbatoio a benzina. Infine c’è anche a listino nella scheda tecnica la Audi A4 Avant 2018 ibrida, con il 2.0 TFSI Ultra. Non c’è nessun motore adatto ai neopatentati. Restando sul layout della plancia, si sviluppa in senso orizzontale, su più livello, sottolineati dalle diverse scelte cromatiche, mentre la fascia al di sotto dello schermo a scomparsa, propone davanti al passeggero una griglia che idealmente collega le feritoie delle bocchette d’aerazione centrali e quelle più esterne. In linea di massima si hanno un tunnel e una consolle più razionali, puliti e con minori pulsanti per gestire le diverse funzioni della multimedialità e i setup del veicolo. Debutto inoltre dell’inedito sistema “Audi virtual cockpit”. Si tratta di un’opzione che va in sostituzione della tradizionale strumentazione con uno schermo LCD da 12,3 pollici in grado di mostrare informazioni di vario tipo compresa la mappa del navigatore. Inoltre nell’equipaggiamento della Nuova A4 Avant 2018 troviamo il sistema di infotainment MMI plus con schermo da 8,3 pollici e nuovo controller a rotella MMI touch, l’head-up display, la ricarica wireless del telefonino e connessione internet LTE con funzione Wi-Fi hotspot, connettività per gli smartphone dall’interfaccia per iOS e Android, l’inedito impianto audio Bang & Olufsen Sound System con suono 3D, cruise control con gestione del traffico in coda e Stop&Go adattivo, assistente attivo al mantenimento corsia, riconoscimento segnali stradali, parcheggio assistito e allerta traffico in avvicinamento da dietro. Guidare la nuova Audi A4 Avant è sempre molto piacevole, soprattutto nelle versioni dotate della trazione integrale quattro. Anche il cambio automatico a doppia frizione S tronic è un gioiello. La scelta di motori è molto ampia. Il top è la S4 da 353 cavalli, mentre il 3.0 V6 TDI da 272 cavalli è uno dei diesel più entusiasmanti in circolazione. Prezzo a partire da 36.000 euro.

Versione consigliata

L’Audi A4 Avant è una delle scelte preferite dall’utenza aziendale e professionale. Per chi ha percorrenze annue elevate le versioni diesel sono senza dubbio da consigliare. Il 2.0 TDI da 150 cavalli offre il miglior equilibrio tra costi e prestazioni; la versione col cambio automatico S tronic renderà la vita più rilassata. Se poi si frequentano percorsi difficili, c’è sempre la quattro, purtroppo solo a cambio manuale con quella potenza, anche a benzina. Per avere entrambe si deve andare sul 2.0 TFSI da 252 cavalli (mentre la S4 ha il Tiptronic) oppure sul 2.0 TDI da 190 cavalli, oltre alle due versioni del 3.0 TDI.

PRO

  • Guidabilità: L'Audi A4 Avant si guida con molto piacere, come se fosse una berlina.
  • Motori impeccabili, tanta potenza a disposizione; nei "tagli" più grandi c'è anche l'accoppiata S tronic-quattro.
  • Abitacolo: Allo stesso modo della berlina, L'Audi A4 Avant è raffinatissima nei dettagli e negli interni. Tra le più spaziose della categoria.

CONTRO

  • Design privilegia l'aerodinamica però manca di quel "di più" nel look.
  • Costo: E' un'Audi? Allora paghi tutto. Anche nell'A4 Avant. In quanto ad equipaggiamento, qui il modello base è proprio base.
  • Avvisi sonori: Una certa invadenza negli avvisi sonori, ad esempio l'apertura portiere e i sensori di parcheggio.

SCHEDA TECNICA

I dati tecnici e le caratteristiche

MOTORI

Cambio manuale, automatico
Trazione anteriore
Coppia Massima 250 / 1500 - 600 / 1500 rpm

CONSUMI E EMISSIONI

Consumo urbano 4,7 - 10/100 km
Consumo extraurbano 3,6 - 6,1/100 km
Consumo medio 4 - 4/100 km

DIMENSIONI E MISURE

Tipo di carrozzeria Stationwagon
Lunghezza 4725 mm
Passo 2820 mm
Larghezza con specchietti 2022 mm

PROVA SU STRADA

NEWS

MODELLI

Parole di Roberto Speranza

© 2005-2020 Deva Connection s.r.l - Tutti i diritti riservati.

Allaguida, supplemento alla testata giornalistica NanoPress.it registrata presso il Tribunale di Roma n° 2 del 16 gennaio 2020.